Zaino Padded Pak’r – Eastpak

Nome artefatto: Padded Pak’r
Tipologia di appartenenza: Borse
Produttore: Eastpak
Dimensioni: 40 cm x 30 cm x 18 cm, volume 24 l
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile): tra 50 e 90 €

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

a) Contenere / conservare prima o dopo la lettura
b) Da utilizzare durante
la lettura
c) Artefatto complementare alla lettura

1)Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura (500 parole max)

Lo zaino Eastpak ha una forma rettangolare nella parte inferiore ed è stondato nella parte superiore.
E’ dotato di due cerniere: la prima che apre lo zaino a metà e dà accesso alla tasca più capiente, dove vengono tenuti i libri, la seconda invece apre una tasca più piccola posizionata sul fronte dello zaino, comoda per contenere oggetti di dimensioni minori. E’ capiente quanto basta per il trasporto di libri, quaderni e tutto il necessario. Alle zip della cerniera principale sono attaccate due cordicelle che, se legate tra loro, permettono di impedire l’apertura della tasca, fungendo così da primitivo sistema antifurto. Lo zaino può essere portato a spalla come il più classico degli zaini grazie agli spallacci imbottiti, oppure a mano, tipo sacco, grazie alla presenza di una maniglia posizionata sulla parte superiore della borsa. Il materiale di ottima qualità utilizzato permette sia un’ampia gamma cromatica, sia una lunga durata e resistenza all’usura dell’artefatto.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

Leggero, pratico, colorato

 Qualità morfologiche

Indicare 2 tag che identifichino le qualità morfologiche dell’artefatto.

Cuciture, tasca capiente

L’artefatto è composto da più componenti: Lo scomparto principale, la tasca secondaria, gli spallacci, la maniglia superiore e le cerniere. Non fa riferimento ad una geometria primitiva, pur mantenendo  forme semplici; infatti come ogni oggetto è riconducibile all’interpolazione tra più geometrie. E’ composto da parti mobili, ovvero le cerniere e gli spallacci regolabili. E’ un prodotto composto da tessuti, quindi le tecnologie di produzione sono le classiche della tessitura e le varie parti componenti sono assemblate tramite semplici cuciture. L’artefatto risulta facilmente disassemblabile durante la dismissione, in quanto vanno disfate le cuciture per separare le parti. E’ composto inoltre da materiali facilmente riciclabili.

 

Qualità espressivo/sensoriali

Indicare 2 tag che identifichino le qualità espressivo/sensoriali dell’artefatto.

Robustezza, colorato

L’artefatto è composto da diverse parti, ognuna delle quali formata da materiali diversi. Nello specifico lo scompartimento principale e la tasca più piccola sono fatti in poliammide; lo stesso vale per la copertura degli spallacci. Il materiale utilizzato per l’imbottitura di questi e della parte posteriore a contatto con la schiena è la gommapiuma, ovvero poliuretano espanso. Le cerniere sono in ottone. Le parti progettate per entrare in contatto direttamente con l’utente sono quella posteriore e gli spallacci, ovvero quelle per cui è stata prevista l’imbottitura per ridurre la pressione sulle spalle e la schiena dell’utente.

 

a)      Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del colore dell’artefatto

Giovanile, modaiolo, vivace

b)      Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del materiale dell’artefatto

Resistente, impermeabile, leggero

 

Qualità funzionali

Indicare 2 tag che identifichino le qualità funzionali dell’artefatto.

Capienza, multicontesto

L’artefatto è finalizzato al trasporto e al contenimento di libri e oggetti. Può succedere di vedere dei ragazzi che utilizzano lo zaino come cuscino per la testa quando sono ad esempio sdraiati al parco, ma la funzione principale rimane sempre trasportare e contenere. L’oggetto in se risulta confortevole, più pratico rispetto ad esempio alla tracolla in quanto il peso viene scaricato su entrambe le spalle. Possono risultare un po’ scomodi, ma questo con tutti gli zaini, i movimenti che vengono svolti per mettersi e togliersi lo zaino. L’oggetto viene usato in maniera individuale, e può aiutare il momento della lettura agevolando il trasporto del supporto. Viene corredato solitamente con oggetti vari, nessuno però che sia complementare all’azione principale. Il mercato è saturo di oggetti che possono sostituire lo zaino. L’oggetto può essere autoprodotto, tenendo conto del fatto però che questo richiede competenze nella produzione tessile.

Questo modello Eastpak ha varianti solo cromatiche (circa 70) e viene utilizzato in tutto il mondo occidentale. Viene utilizzato soprattutto dai ragazzi che frequentano la scuola, che risulta quindi il contesto pubblico più gettonato. Può essere utilizzato in molti altri contesti e situazioni in cui è richiesto il trasporto di oggetti, ad esempio gite in montagna o al mare, giornate in parchi acquatici, viaggi atc.. Gli aspetti positivi sono diversi: innanzitutto l’ampia gamma di colorazioni disponibili, che permette un adattamento a tutti i gusti; il rivestimento interno impermeabile e la resistenza all’usura, nonché le cuciture molto resistenti. Gli aspetti negativi su cui poter andare ad intervenire sono l’imbottitura non sagomata dello schienale, che quindi non si adatta perfettamente alla forma della schiena e la mancanza di scompartimenti interni, che aiutino ad organizzare al meglio lo spazio. Infine lo zaino non è finalizzato alla modifica del supporto o del contesto.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s