Vintage Bookshelf

Nome artefatto: Vintage Bookshelf
Tipologia di appartenenza: Contenitore
Produttore: Munkii Studio
Designer: Jaren Goh
Anno e luogo di produzione (se reperibile): Singapore
Dimensioni: 196cm X 105cm X 31cm
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile): 3.200$

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

a) Contenere / conservare
prima o dopo la lettura

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, , evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura

L’artefatto in questione è una libreria ad alto impatto estetico. Come tale essa svolge la più semplici delle azioni legate alla lettura: Conservazione dei libri. Dal punto di vista strettamente meccanico non è nulla di più di una normalissima libreria; ma invece se osservata dal punto di vista estetico fonde in un unico artefatto lo stile barocco e quello moderno.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

Satinata

Con spigoli belli da toccare

Pulita

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto.

Qualità morfologiche

TAG: Spigoloso – Curvo

L’artefatto è composto da un unico componente composto da più parti assemblate assieme. Esso traccia un excursus da una forma molto semplice e moderna ad una forma molto più complessa (ricavata al suo interno) di stile barocco classico.

Il materiale che lo compone è MDF (eco-responsible) composto da più pannelli assemblati assieme. Tale composizione permette un disassemblaggio totale in fase di dismissione e sempre grazie al materiale, è a basso impatto ambientale.

Qualità espressivo/sensoriali

TAG: Pulito – Levigato

L’unico materiale che compone l’artefatto (ad eccezione di piccole parti non menzionate nelle descrizioni) è MDF eco-responsible. Come libreria le parti che devono entrare in contatto con l’utente sono limitate aree dei ripiani ed il bordo esterno della stessa. Il materiale scelto a livello sensoriale esprime calore, tranquillità e morbidezza; mentre i colori dell’oggetto esprimono modernità e antichità allo stesso tempo, calma e pulizia.

Qualità funzionali

TAG: Comodo – Esteticamente protagonista

L’artefatto in questione svolge tranquillamente lo scopo per il quale è stato progettato, senza aggiungere altre funzioni o altri utilizzi diversi. La sua funzione principale (la custodia dei libri) viene svolta al massimo delle sue possibilità senza rischiare di rovinare i libri con soluzioni estreme.

Le funzionalità accessorie sono tutte legate alla potente impronta estetica dell’oggetto stesso.

L’oggetto con la sua doppia forma richiama alla mente la funzione che deve svolgere in maniera immediata. Ogni utente vedendo la sagoma della libreria al suo interno associa immediatamente l’oggetto alla funzione che esso svolge.

L’utilizzo dell’artefatto è veloce, facile e confortevole: l’utente non ha bisogno di studiarlo per campire come interagire con esso.

L’oggetto non interferisce in alcun modo con la lettura ma anzi ne è un custode. Come oggetto indipendente da un utente, esso può essere usato singolarmente oppure contemporaneamente da più persone, sempre nei limiti spaziali. L’oggetto in questione viene prodotto senza oggetti complementari seppur i libri ed i soprammobili possono essere considerati complementari.

Può essere autoprodotto sempre che la persona abbia discrete doti manuali e può essere sostituiti da altre librerie.

Non possiede usi impropri se non quello di essere un protagonista importante del luogo nel quale viene posto.

L’oggetto viene prodotto in unica versione ma può essere utilizzato da ogni genere di utente, in ogni genere di contesto sia pubblico che privato e il suo utilizzo si compie in pochi istanti.

Gli aspetti che mi hanno catturato di questo artefatto sono la sua semplicità nell’unire due stili completamente diversi (moderno e barocco) in modo semplice chiaro e veloce, con semplicità e chiarezza di linee. Gli unici aspetti negativi, a seguito di riflessione, sono sulla mancanza di fiducia sul materiale. L’MDF potrebbe essere facilmente danneggiato da urti e una macchia o un ammaccatura sarebbe altamente visibile nell’artefatto. E’ molto interessante l’associazione fra due stili così opposti e tale caratteristica apre a nuovi spunti progettuali per nuovi oggetti.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s