Segnalibro – Ellice

This slideshow requires JavaScript.

Scheda ARTEFATTI

Nome artefatto: Ellice

Tipologia di appartenenza:  Segnalibro

Produttore: Danese

Designer: Marco Ferreri

Anno e luogo di produzione:  Italia 1990

Dimensioni: 18,5×2 cm

Prezzo al pubblico: 18€

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

a) contenere / conservare
prima o dopo la lettura
b) Da utilizzare durante
la lettura
C) ARTEFATTO COMPLEMENTARE ALLA LETTURA

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura

Il segnalibro Ellice viene impiegato come un comune segnalibro e quindi inserito all’interno dell’ultima pagina letta. La goccia presente sulla sommità non permette a questo di scivolare all’interno.

Durante la lettura, sostiene il progettista “ mi diverto a tenerlo in mano e manipolarlo così che il suo movimento mi tenga compagnia mentre leggo”

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

Prezioso, leggero, duraturo

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto

Qualità morfologiche

Indicare 2 tag che identifichino le qualità morfologiche dell’artefatto.

a) L’artefatto è composto da un unico pezzo o da più componenti? Se si Quali?

È  costituito da due componenti fissati fra loro

b) Fa riferimento ad una geometria primitiva? Se si quale?

Per astrazione lo si puo ricondurre ad un piano bidimensionale, senza spessore

c) Comprende parti mobili (sportelli, cerniere, ecc..) o è un oggetto statico?

È un oggetto statico

d) Con quale tecnica produttiva sono realizzati i componenti dell’artefatto?

La lamina è tagliata elettrochimicamente , lavorata industrialmente con precisione da orafo

e) Se composto da più parti, con quale tecnica sono assemblate le componenti principali dell’artefatto?

Un piccolo inserto sferico in ottone viene fissato per colatura

f) L’artefatto è disassemblabile in fase di dismissione dello stesso?

Non è necessario

g) L’artefatto è riciclabile/riutilizzabile?

È riciclabile in quanto composto da metalli atossici

Qualità espressivo/sensoriali

Indicare 2 tag che identifichino le qualità espressivo/sensoriali dell’artefatto.

a) L’artefatto è composto da un unico materiale o da più materiali? Elencali.

Acciao inossidabile per la lama ed ottone per la goccia

b) Ci sono componenti/parti progettate per entrare in contatto con l’utente?

L’oggetto è progettato anche per essere tenuto in mano durante la lettura e coinvolgere così l’utente

c) Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del colore dell’artefatto

contrastante, lucido, inalterabile

d) Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del materiale dell’artefatto

robusto, valido, pulito

Qualità funzionali

Indicare 2 tag che identifichino le qualità funzionali dell’artefatto.

a) L’artefatto è finalizzato al raggiungimento di un risultato (funzione primaria)?Quale?

si, l’oggetto serve per ritrovare la pagina lasciata durante l’ultima consultazione

b) L’artefatto svolge più funzioni? Quale è la funzione principale, quali le secondarie/accessorie?

Viene utilizzato come tagliacarte, inoltre la sfera non permette al segnalibro di scivolare fra le pagine e perdersi di conseguenza

c) La comprensione della destinazione d’uso è chiara? (ergonomia cognitiva)

si, inoltre un foglio di istruzioni accompagnato alla custodia chiarisce eventuali dubbi

d) L’utilizzo è facile e confortevole? (ergonomia formale)

oltre che facile l’oggetto risulta essere pratico e ‘divertente’

e) In che modo l’artefatto entra in relazione con la lettura o il supporto (libro, rivista..)? Lo coadiuva, lo influenza, lo condiziona, lo limita, lo ostacola… etc. ?

il sottilissimo segnalibro accompagna i libri riposti in attesa che vengano riaperti sul segno

f) Viene usato in maniera individuale, in gruppo, o necessita di un numero di persone definito per poter essere utilizzato?

Viene utilizzato individualmente

g) Si usa da solo o insieme ad altri artefatti (oggetti complementari?)

no, viene utilizzato solo assieme al supporto

h) Può essere sostituito da altri oggetti che svolgono funzione analoga, simile (sostitutivi propri e impropri)?

Possono essere usate matite e penne, cartoline, graffette, pieghe sugli angoli etc.

i) E’ un artefatto che può essere autoprodotto o personalizzato?

Per la fattura estremamente tecnica questo oggetto non può essere autoprodotto

j) Ha usi impropri?

Quello di fletterlo e manipolarlo durante la lettura è un uso improprio

k) Esistono quante e quali varianti (funzionali: bambini/anziani, culturali: oriente/occidente) di questo artefatto? In cosa differiscono tra loro?

Un’infinità di grafiche accompagnano i classici segnalibri di carta, e in alcune versioni più elaborate sono presenti magneti ed elastici, forse eccessivi per un gesto così semplice

l) L’artefatto richiede una competenza specifica per essere usato? Quale?

No

m) Viene utilizzato in un contesto specifico? Quale?

Tutti i contesti dove la lettura è favorita vengono accompagnati dall’uso di un segnalibro

n) Si utilizza in pubblico o in privato?

In entrambi

o) Quanto tempo richiede il suo utilizzo?

L’attimo che viene sfilato dalle pagine e messo in quella da segnare. In generale limitato al tempo di fruizione del singolo libro

p) Quali sono gli aspetti positivi di questo artefatto? E quelli negativi?

L’inserto che impreziosisce l’artefatto lo rende meno superficiale

q) Come questo artefatto potrebbe essere migliorato, reso più fruibile, più piacevole, più efficace, anche per un bacino di utenza più esteso (persone diversamente abili, di differenti nazionalità/etnie/religioni, etc…?)

la sfera realizzata in ottone potrebbe essere di acciaio per ridurne i costi di produzione

r) E’ un artefatto che implica un coinvolgimento mentale?

No

s) L’artefatto è finalizzato alla modifica del supporto/contesto? In modo reversibile o irreversibile?

L’oggetto non modifica il supporto

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s