Nastro adesivo – Cardstick

Scheda ARTEFATTI

Nome artefatto: Cardstick
Tipologia di appartenenza: Nastro Adesivo
Produttore: Integral Design
Designer: –
Anno e luogo di produzione (se reperibile): –
Dimensioni:7,5 cm x 0.06 mm x 1 cm ca.
Costo di produzione (se reperibile): –
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile): 3,99 $ per 3 pz.
Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

c) Artefatto complementare alla lettura

1)Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, , evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura (500 parole max)

Si tratta di una striscia adesiva larga circa 1 cm, lunga 7,5 con una parte adesiva.
La parte non adesiva riproduce un righello; essendo così strutturata, può essere attaccata sul bordo di una carta di credito per trasformarla in un righello.
La striscia una volta adagiata in modo da far coincidere la striscia nera centrale con il bordo della carta di credito, va ripiegato dalla parte opposta, in modo da ottenre 2 righelli da entrambi i lanti, con 2 scale di misurazione diverse.
3)indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto
tascabile – preciso – universale

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto.
Qualità morfologiche
Rispondere in maniera discorsiva (max 500 parole) toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti.
Indicare 2 tag che identifichino le qualità morfologiche dell’artefatto.
Righello – adesivo

a) L’artefatto è composto da un unico pezzo o da più componenti? Se si Quali?
b) Fa riferimento ad una geometria primitiva? Se si quale?
c) Comprende parti mobili (sportelli, cerniere, ecc..) o è un oggetto statico?
d) Con quale tecnica produttiva sono realizzati i componenti dell’artefatto?
e) Se composto da più parti, con quale tecnica sono assemblate le componenti principali dell’artefatto?
f) L’artefatto è disassemblabile in fase di dismissione dello stesso?
g) L’artefatto è riciclabile/riutilizzabile?
L’artefatto è composta da un unico pezzo, si tratta infatti di una striscia di vinile.
Da un lato è stato applicato una strato di materiale adesivo, mentre dall’altra è presente una stampa.
La stampa è estremamente semplice, si tratta di una serie di stanghette parallele tra di loro di 2 lunghezze diverse, e una serie di numeri.
L’oggetto non è disassemblabile né riutilizzabile (la parte adesiva diventa inutilizzabile una volta rimosso.

Qualità espressivo/sensoriali
(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)
Indicare 2 tag che identifichino le qualità espressivo/sensoriali dell’artefatto.
Preciso – ordinato
a) L’artefatto è composto da un unico materiale o da più materiali? Elencali.
b) Ci sono componenti/parti progettate per entrare in contatto con l’utente?
c)Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del colore dell’artefatto
neutro – adattabile – contrastante
d)Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del materiale dell’artefatto
leggero – sottile – non usurabile
L’artefatto è composto da un unico materiale, il vinile.
L’interazione con l’utente avviene solo quando il prodotto viene applicato sulla carta di credito.
Le successive interazioni con l’utente non sono di tipo tattile, ma solamente visivo.

Qualità funzionali
(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)
Indicare 2 tag che identifichino le qualità funzionali dell’artefatto.

a) L’artefatto è finalizzato al raggiungimento di un risultato (funzione primaria)?Quale?
La funzione primaria dell’oggetto è quella di fare ottenere all’utente dei dati relativi a una misurazione il più precisi possibili.
b) L’artefatto svolge più funzioni? Quale è la funzione principale, quali le secondarie/accessorie?
La funzione primaria dell’oggetto è quella di fare ottenere all’utente dei dati relativi a una misurazione il più precisi possibili.
c)La comprensione della destinazione d’uso è chiara? (ergonomia cognitiva)
La funzione primaria è estremamente chiara e inequivocabile
d) L’utilizzo è facile e confortevole? (ergonomia formale)
e) In che modo l’artefatto entra in relazione con la lettura o il supporto (libro, rivista..)? Lo coadiuva, lo influenza, lo condiziona, lo limita, lo ostacola… etc. ? (dettagliare 200 battute)
L’oggetto non entra in relazione diretta con il libro, tuttavia coadiuva la lettura facilitando per esempio la sottolineatura di parti di testo.
f) Viene usato in maniera individuale, in gruppo, o necessita di un numero di persone definito per poter essere utilizzato?
Viene utilizzato da una singola persona alla volta, e generalmente si tratta sempre dello stesso utente, poiché coinvolge l’utilizzo di un oggetto molto personale, la carta di credito
g) Si usa da solo o insieme ad altri artefatti (oggetti complementari?)
Da solo è inutilizzabile.
L’artefatto deve essere applicato a un supporto rigido quale carte di credito (o simile), per riuscire a svolgere la sua funzione primaria.
h) Può essere sostituito da altri oggetti che svolgono funzione analoga, simile (sostitutivi propri e impropri)?
Si tratta già di un oggetto che svolge una funzione in modo inusuale (alternativa al righello classico)
i) E’ un artefatto che può essere autoprodotto
o personalizzato?
E’ un oggetto che può essere autoprodotto, anche se per ottenere la medesima precisione data dall’artefatto bisogna investire parecchie energie e tempo.
j) Ha usi impropri?
L’unico uso improprio possibile con questo oggetto è attaccarlo a oggetti non adatti.
k) Esistono quante e quali varianti (funzionali: bambini/anziani, culturali: oriente/occidente) di questo artefatto? In cosa differiscono tra loro?
Questo artefatto è stato pensato per essere introdotto in mercati con diversi sistemi di misurazione: infatti se da una parte le misure sono espresse in cm e mm, dall’altro lato troviamo i pollici.
l)L’artefatto richiede una competenza specifica per essere usato? Quale?
Non è richiesta alcun tipo di competenza specifica
m)Viene utilizzato in un contesto specifico? Quale?
Non viene usato in alcun contesto specifico.
Proprio questo è uno dei suoi punti di forze, il fatto di poter essere sempre a portata di mano e poter essere usato ovunque.
n) Si utilizza in pubblico o in privato?
In entrambi i casi
o) Quanto tempo richiede il suo utilizzo?
Pochi istanti
p) Quali sono gli aspetti positivi di questo artefatto? E quelli negativi?
Positivi : immediatezza, semplicità, trasportabilità, praticità.
Negativi: può rovinare l’oggetto su cui viene applicato,
q) Come questo artefatto potrebbe essere migliorato, reso più fruibile, più piacevole, più efficace, anche per un bacino di utenza più esteso (persone diversamente abili, di differenti nazionalità/etnie/religioni, etc…?)
Creare delle “strisce” di misure diverse, fare in modo che non rovini il supporto al quale viene incollato, removibile facilmente.
r) E’ un artefatto che implica un coinvolgimento mentale?
Si, durante l’atto della misurazione
s) L’artefatto è finalizzato alla modifica del supporto/contesto? In modo reversibile o irreversibile?
L’artefatto va a modificare il supporto su viene applicato i modo reversibile.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s