Graffetta – Clip + Pen

Nome artefatto: “Clip + Pen”
Tipologia di appartenenza: Graffetta + Penna a sfera.
Produttore: /
Designer: Giha Woo (Corea)
Anno e luogo di produzione (se reperibile): /
Dimensioni: normali dimensioni di una penna a sfera.
Costo di produzione (se reperibile): /
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile): /

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

c) Artefatto complementare alla lettura

1)Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura.

L’oggetto sintetizza l’utilizzo della penna (tutte le declinazioni del generico scrivere, dall’annotazione alla sottolineatura) a quello della graffetta. Il concetto di “segnalibro” è esplorato nel suo significato (segnare i libri e segnare il punto a cui si è arrivati con la lettura).

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

FUNZIONALE – SINTETICO – MINIMALE

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto.

Qualità morfologiche

a) L’oggetto è composto da tutte le componenti di una biro (involucro, serbatoio dell’inchiostro e punta dotata di sfera) più una graffetta metallica.

b) L’oggetto fa riferimento a un cilindro.

c) Parti mobili dell’oggetto sono, durante l’utilizzo, la sfera che distribuisce l’inchiostro e la graffetta che si flette nell’applicarsi.

e) Le componenti principali sono incastrate e avvitate fra loro.

f-g) L’artefatto è facilmente disassemblabile manualmente, ciò serve anche a garantire la sostituzione dell’inchiostro nel riutilizzo.

Qualità espressivo/sensoriali

a) La penna è composta da due principali materiali: involucro e serbatoio in materiali polimerici, punta e graffetta in materiale metallico

b) Tutto l’oggetto è progettato per il contatto (l’utilizzo cioè) con l’utente.

c) Il concept del progetto vede l’oggetto colorato in blu chiaro e bianco. TRANQUILLO – RAZIONALE – PERLACEO

Qualità funzionali

a) L’oggetto è finalizzato al conciliare due funzioni svolte da oggetti diversi, sfruttando l’affinità dell’aggancio della penna da taschino alla graffetta. Le funzioni sono tutte quelle svolte dai due oggetti.

c-d) La destinazione d’uso è chiara e l’utilizzo è facile poiché gli oggetti sono universalmente riconoscibili e utilizzati.

e) Tutte le funzioni svolte dalla penna e dalla graffetta hanno a che fare con il supporto per la lettura, l’oggetto è stato concepito appositamente per creare uno strumento multifunzionale che collabori con la lettura.

f-g) Viene usato individualmente e da solo, sebbene faccia parte di articoli da cartoleria e pertanto faccia parte di set.

h) Possono sostituirlo gli oggetti di cui è la summa ovvero una biro e una graffetta, con gli svantaggi/vantaggi (multifunzionalità e ambiti diversi dell’oggetto singolo) dell’averli separati.

k-l) L’oggetto è universalmente utilizzato e semplice, non vi sono perciò varianti funzionali o culturali, non richiede competenze specifiche.

m-n) L’oggetto viene utilizzato in contesti di lettura/scrittura, pubblici o privati.

p) Gli aspetti positivi e negativi sono equamente ripartiti fra la comodità o meno dell’avere i due oggetti uniti in un solo strumento o separati.

s) L’artefatto serve a interagire con il supporto modificandolo, personalizzandolo a aiutando la lettura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s