Artefatto a scelta – Supporti ergonomici – Body props

Nome artefatto: Body props
Tipologia di appartenenza: supporti ergonomici

Produttore: Edra
Designer: Olivier Peyricot, IDSland (Francia)
Anno e luogo di produzione (se reperibile):
 2000. Perignano (Pisa), Italia.
Dimensioni: ogni pezzo (cinque pezzi in totale) ha una forma e dimensione diversa. L’ingombro massimo del pezzo più grande è circa 50 x 50 cm.
Costo di produzione (se reperibile): costo di produzione non reperibile.
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile): prezzo al pubblico non reperibile.

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

c) Complementari alla lettura.

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura (500 parole max)

Body props è una famiglia di cinque cuscini ergonomici che permetono una posizione comoda, naturale e corretta dell’utente durante lo svolgimento di attività sul pavimento. Dopo aver scelto il pezzo da utilizzare secondo la posizione che si vuole ottenere o la posizione abituale, si preleva da dove è riposto e si dispone sul pavimento. L’utente assume la posizione scelta o abituale posizionandosi sul prodotto, esercitando pressione col proprio corpo; contemporaneamente si può svolgere un’altra attività. Al termine dell’attività l’utente si sposta dal prodotto rialzandosi e lo ripone.

3) Indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

ergonomico – suddiviso –  morbido

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto

Qualità morfologiche

(tags: amorfo – famiglia)

L’artefatto è composto da cinque pezzi di forma e dimensione diversa non assemblabili fra loro, ciascuna indicata per una precisa posizione. La forma dei pezzi non fa riferimento a delle geometrie primitive, ma corrisponde all’impronta al calco di parti del corpo umano in quella determinata posizione. Quattro pezzi hanno una simmetria lungo un asse, mentre uno è asimmetrico. Ogni pezzo è stampato in poliuretano espanso, con finitura superficiale in vernice elastica, o in una seconda versione (2001) rivestito di tessuto tecnico elastico (tramite cuciture). L’oggetto è difficilmente disassemblabile: la separazione del poliuretano espanso dal tessuto elastico superficiale comporta la rottura permanente di quest’ultimo. Il poliuretano espanso è riciclabile.

Qualità espressivo/sensoriali

(tags: gommoso – morbido)

Il prodotto è fatto di poliuretano espanso con finitura superficiale in vernice elastica, o in una seconda versione (2001) rivestito di tessuto tecnico elastico. Il materiale è stato scelto sulla base delle sue proprietà ergonomiche: infatti l’artefatto è stato progettato per entrare in contatto col corpo dell’utente e per essere sottoposto alla sua pressione. Il materiale utilizzato rimanda a un’idea di “antistress, sanitario e sportivo”. I colori in cui è stato prodotto l’artefatto sono rosa, azzurro e bianco, colori che rimandano a un’idea di “gommoso, delicato e infantile”.

Qualità funzionali

(tags: ergonomico – ausiliario)

La funzione principale di questo gruppo di artefatti è di natura ergonomica, ovvero permettere all’utente lo svolgimento di attività  sul pavimento in modo comodo, naturale e corretto, in cinque diverse posizioni: sdraiato supino e prono, sdraiato appoggiato su un gomito, seduto e inginocchiato. In questo modo l’utente può compiere comodamente diverse azioni, in particolare lo studio e la lettura, in ambienti e su superfici che altrimenti risulterebbero scomodi, ad esempio sul pavimento di casa. Tuttavia la destinazione d’uso non è chiara e intuitiva e l’oggetto manca quindi di ergonomia cognitiva: non è facile ricondurre la forma dell’oggetto alla posizione che si deve assumere, dunque diventa anche difficile la selezione del pezzo prima dell’utilizzo. Il prodotto è pensato per essere utilizzato individualmente, ma potenzialmente è fruibile anche da un gruppo di persone contemporaneamente con la condizione che ciascuno utilizzi un singolo pezzo e quindi avendo possibilità di posizione limitata o unica; oppure può essere utilizzato da più persone non contemporaneamente in un ambiente di tipo comunitario. Può essere utilizzato in qualsiasi ambiente, ma è pensato principalmente per un utilizzo in ambiente privato. Non è un artefatto finalizzato alla modifica del supporto e del contesto. Il tempo di utilizzo del prodotto varia in base al tempo richiesto dall’attività che supporta: può durare alcune decine di minuti, come anche ore. Non necessita di altri artefatti, ma essendo un oggetto ausiliario ad altre attività da svolgersi per terra viene utilizzato con altri oggetti, quali supporti e strumenti di lettura, scrittura e disegno, strumenti per consumare cibo e bevande, strumentanti per svolgere altre attività ricreative o rilassanti: una serie illimitato di oggetti per una serie illimitata di attività. Il prodotto si presta a una serie di utilizzi secondari e impropri: potrebbe essere utilizzato per fare esercizi fisici o yoga, anche se non è stato concepito per quello. Può essere sostituito da altri oggetti che permettono di svolgere attività per terra, quali tappeti, cuscini, materassi; da quelle tipologie di oggetti ergonomici per l’attività fisica, quali materassini da palestra, palla fitness, o fisioterapeutici; da quegli arredi che permettono di assumere posizioni uguali o simili in modo comodo, quali letti, divani, chaise-longue, poltrone. Non implica coinvolgimento mentale e riguarda principalmente la dimensione corporea e fisica dell’utente. Tuttavia le azioni che l’oggetto supporta possono coinvolgere mentalmente (lettura, disegno, scrittura…). È un prodotto che non può essere personalizzato né autoprodotto. Gli aspetti positivi del prodotto riguardano la comodità che conferisce alle attività svolte, e il fatto che permetta di utilizzare in modo confortevole la dimensione del pavimento, altrimenti poco sfruttata. Gli aspetti negativi del prodotto riguardano la scarsa ergonomia cognitiva, il fatto che sia composto da cinque pezzi separati e non assemblabili, difficili da riporre e da tenere assieme nelle fasi di non utilizzo e trasporto. Potrebbe essere migliorato realizzando un solo pezzo che possa soddisfare più posizioni: in questo modo l’oggetto sarebbe più economico, consumerebbe meno materiale ed energie di produzione, sarebbe più versatile e comodo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s