PENNA – 360°PEN

PENNA – 360° PEN

Nome artefatto: 360°pen

Tipologia di appartenenza: Penne a sfera

Produttore: Fred & Friends

Designer: Jamie Wood

Anno di produzione 2009

Dimensioni:  circa 15 cm di lunghezza

Prezzo al pubblico: 7,78$ su Amazon (8.99$ prezzo di listino)

 Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

  b) Da utilizzare durante
la lettura
c) Artefatto complementare alla lettura

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura (500 parole max)

360° pen è una penna a sfera dotata di un occhiello in silicone . Questa penna può essere utilizzata prima, durante e dopo la lettura per la sua azione principale, quella di scrivere. È però la sua funzione accessoria a renderlo un oggetto interessante; quando si sta leggendo qualcosa di noioso, oppure studiando, è naturale dopo un po’ perdere concentrazione ed iniziare a giocherellare con quello che si ha sottomano. Questa penna è l’ideale perché permette di farla girare sulle dita  utilizzando un dito solo ed evitando che la penna cada .

3) Indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

Dinamico, semplice,  giocoso

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto.

QUALITÀ MORFOLOGICHE

Rispondere in maniera discorsiva (max 500 parole) toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti.

Indicare 2 tag che identifichino le qualità morfologiche dell’artefatto. à AFFUSOLATO  , TWO-TONE

a)     L’artefatto è composto da un unico pezzo o da più componenti? Se si Quali?

È una penna a sfera e quindi è composto da più componenti. All’interno; il meccanismo per far fuoriuscire la punta , la cannuccia per l’inchiostro, punta e sfera. Esternamente; scocca  in metallo ed anello in plastica a finitura gomma

b)     Fa riferimento ad una geometria primitiva? Se si quale?

La forma si può assimilare ad un cilindro intersecato ad un certo punto da una circonferenza

c)     Comprende parti mobili (sportelli, cerniere, ecc..) o è un oggetto statico?

comprende parti mobili  ovvero il meccanismo di chiusura  e apertura della penna per rotazione

d)    Con quale tecnica produttiva sono realizzati i componenti dell’artefatto?

Parte esterna in metallo cromato; trafilatura e cromatura
Parti interne: il meccanismo per rilasciare l’inchiostro e la sfera della biro sono componenti standardizzati
Parte in gomma siliconica: iniezione

e)     Se composto da più parti, con quale tecnica sono assemblate le componenti principali dell’artefatto?

Le componenti interne vengono inserite semplicemente nella scocca in metallo. L’anello in silicone viene incastrato sopra di essa

f)      L’artefatto è disassemblabile in fase di dismissione dello stesso?

Si, aprendo la penna ne fuoriescono le parti interne, e l’anello si può staccare dalla parte in metallo

g)     L’artefatto è riciclabile/riutilizzabile?

Se si trovano cartucce di inchiostro adatte la penna si può utilizzare nuovamente Altrimenti, una volta terminato l’inchiostro si può provare ad applicare l’anello di gomma ad una altra penna (se non si riesce a riutilizzare la 360°pen ma si vuole comunque “far girare” una penna con quell’anello)

QUALITÀ ESPRESSIVO/SENSORIALI

(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)

Indicare 2 tag che identifichino le qualità espressivo/sensoriali dell’artefatto. à FREDDO/LISCIO, CALDO/MORBIDO

 a)     L’artefatto è composto da un unico materiale o da più materiali? Elencali.

Da più materiali. Gomma siliconica  e metallo cromato

b)     Ci sono componenti/parti progettate per entrare in contatto con l’utente?

Le parti esterne sono progettate per entrare in contatto con l’utente ed intrattenerlo.

c)     Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del colore dell’artefatto

scegliendo la variante rossa: dinamico, allegro, elegante

d)    Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del materiale dell’artefatto

calore, ricercatezza, easy-grip

QUALITÀ FUNZIONALI

(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)

Indicare 2 tag che identifichino le qualità funzionali dell’artefatto. à RELAX, GAME

a)     L’artefatto è finalizzato al raggiungimento di un risultato (funzione primaria)?Quale?

La funzione primaria di 360° pen è scrivere e raggiunge questo risultato. Scrive con inchiostro nero.

b)     L’artefatto svolge più funzioni? Quale è la funzione principale, quali le secondarie/accessorie?

La funzione accessoria si sovrappone a quella principale. Chi acquista questa penna non lo fa perché “ha bisogno di scrivere” ma perché potendo scegliere una penna ne vuole una divertente, che faccia passare il tempo quando si è annoiati

c)     La comprensione della destinazione d’uso è chiara? (ergonomia cognitiva)

Molto chiara e soprattutto segnalata dal packaging, con un foro e la scritta “try me”. Lo stesso logo con i numeri 360° inscritto in un cerchio fatto da due frecce che indicano il senso antiorario suggerisce l’atto del ruotare

d)    L’utilizzo è facile e confortevole? (ergonomia formale)

è facile e relativamente confortevole. È una impugnatura molto semplice e non elaborata con grip o avvallamenti per le dita

e)     In che modo l’artefatto entra in relazione con la lettura o il supporto (libro, rivista..)? Lo coadiuva,  lo influenza, lo condiziona, lo limita,  lo ostacola… etc. ? (dettagliare 200 battute)

Può essere utilizzato per prendere appunti e scrivere, aiutando la lettura e la comprensione. Quando lo si fa ruotare invece può distrarre e distogliere da ciò che si sta leggendo, seppur  intrattenendo e creando un senso di rilassamento dovuto alla funzione anti-stress dell’oggetto

f)      Viene usato in maniera individuale, in gruppo, o necessita di un numero di persone definito per poter essere utilizzato?

Viene usato individualmente ( ma può essere prestato, ceduto, regalato)

g)     Si usa da solo o insieme ad altri artefatti (oggetti complementari?)

Si usa insieme a supporti per la scrittura (siano essi fogli, post it o altro). Oppure da solo quando lo si fa ruotare

h)    Può essere sostituito da altri oggetti che svolgono funzione analoga, simile (sostitutivi propri e impropri)?

Per la funzione “penna” può essere sostituito da una qualunque altra penna nera, oppure da qualunque altro mezzo per scrivere (pennarelli ,matite, pastelli a cera….eccc). se si vuol far ruotare qualcosa attorno alle dita si può far ruotare un paio di forbici (hanno l’occhiello…)  ma sarebbe sconsigliato!!

Moltissimi oggetti possono distrarre durante la lettura

i)      E’ un artefatto che può essere autoprodotto o personalizzato?

Non può essere autoprodotto con gli stessi materiali. Attaccando un pezzo di stoffa alla fine di una penna (in modo da formare un occhiello) si può ottenere un risultato simile, ma non identico, soprattutto per quanto riguarda le sensazioni date dal materiale originale

j)      Ha usi impropri?

Usare il foro per appendere la penna non è uno scopo previsto ma è fattibile.

k)     Esistono quante e quali varianti (funzionali: bambini/anziani, culturali: oriente/occidente) di questo artefatto? In cosa differiscono tra loro?

Esiste una variante e si differenzia solo per il colore; rosso oppure antracite

l)      L’artefatto richiede una competenza specifica per essere usato? Quale?

Non richiede una competenza specifica per essere utilizzato, solo il capire a cosa serve il foro che comunque è abbastanza intuitivo.

m)   Viene utilizzato in un contesto specifico? Quale?

Il contesto suggerito è l’ufficio. La pubblicità stessa dice “spin, relax, repeat”, se vi sentite abbattuti vi farà ritornare il sorriso.

n)    Si utilizza in pubblico o in privato?

In entrambe; pubblico si intende l’ufficio, privato durante lo studio.

In alcuni casi è sconveniente il suo utilizzo ( ad esempio durante una riunione importante!)

o)     Quanto tempo richiede il suo utilizzo?

La penna può essere utilizzata quanto si vuole e quanto è necessario finchè non esaurisce tutto l’inchiostro. L’azione di rotazione in realtà viene prolungata solo per decine di secondi

p)    Quali sono gli aspetti positivi di questo artefatto? E quelli negativi?

Positivi:
– idea simpatica per giocherellare con le dita mentre si legge/studia/scrive

Negativi:
– non è un oggetto “necessario”, ma piuttosto qualcosa di sfizioso da possedere
– costoso

q)     Come questo artefatto potrebbe essere migliorato, reso più fruibile, più piacevole, più efficace, anche per un bacino di utenza più esteso (persone diversamente abili, di differenti nazionalità/etnie/religioni, etc…?)

Prevedendo la possibilità di essere ricaricato.

Si potrebbe vendere anche il solo occhiello in silicone, così da poterlo applicare a ciò che si vuole.

r)     E’ un artefatto che implica un coinvolgimento mentale?

Il gesto di ruotare la penna è piuttosto un gesto che si fa di sovrappensiero

s)     L’artefatto è finalizzato alla modifica del supporto/contesto? In modo reversibile o irreversibile?

Se si scrive su un supporto lo si modifica irreversibilmente (anche se lo si sbanchetta rimarrà il segno)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s