Cartelletta – cartelletta congresso

Nome artefatto: Effektschmiede

Tipologia di appartenenza: Cartelletta congresso

Produttore: Effektschmiede
Designer: von VON
Anno e luogo di produzione (se reperibile):
Dimensioni:210x291x15 mm
Costo di produzione (se reperibile):
Prezzo al pubblico/gratuità (se reperibile):

Individuare a quale categoria appartiene l’artefatto

a) Contenere / conservare
prima o dopo la lettura

1)   Almeno 3 immagini

 

This slideshow requires JavaScript.

2)   Descrivere l’artefatto nel momento del suo utilizzo/applicazione, evidenziando in particolare l’aspetto più strettamente legato alla lettura (500 parole max)

Il suo utilizzo è contenere fogli, opuscoli e il necessario per prendere appunti durante le conferenze, come una penna e un blocco di fogli, inoltre c’è anche lo spazio per conservare il cd del convegno. La si può, poi, riutilizzare in ufficio o a casa e personalizzarla. Ha una funzione di archiviazione e, aprendola, anche parzialmente, vi si può già scorgere velocemente il contenuto.

3)   indicare tre aggettivi che caratterizzano l’artefatto

elegante – semplice – riutilizzabile

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche dell’artefatto.

Qualità morfologiche

Rispondere in maniera discorsiva (max 500 parole) toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti.

Indicare 2 tag che identifichino le qualità morfologiche dell’artefatto.

a)   L’artefatto è composto da un unico pezzo o da più componenti? Se si Quali?

Da piu componenti: è dotata di cinque scomparti per biglietti da visita, fogli e cd, una copertina di alta qualita.

b)   Fa riferimento ad una geometria primitiva? Se si quale?

Fa riferimento ad una geometria primitiva di rettangolo.

c)   Comprende parti mobili (sportelli, cerniere, ecc..) o è un oggetto statico?

È un oggetto dinamico, si apre e si ripiega per proteggere il contenuto.

d)   Con quale tecnica produttiva sono realizzati i componenti dell’artefatto?

La cartellina è realizzata con la tecnica della verniciatura UV su cartoncino bianco.

e)   Se composto da più parti, con quale tecnica sono assemblate le componenti principali dell’artefatto?

Le componenti sono unite tramite incollaggio.

f)     L’artefatto è disassemblabile in fase di dismissione dello stesso?

No.

g) L’artefatto è riciclabile/riutilizzabile?

Sì, perchè è di materiale riciclabile (cartoncino), infatti lo scopo dell’azienda è inventare prodotti ecosostenibili e confortevoli.

Qualità espressivo/sensoriali

(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)

Indicare 2 tag che identifichino le qualità espressivo/sensoriali dell’artefatto.

a)   L’artefatto è composto da un unico materiale o da più materiali? Elencali.

L’artefatto è composto da un unico materiale.

b)   Ci sono componenti/parti progettate per entrare in contatto con l’utente?

Tutta la cartellina è progettata a questo scopo, soprattuto quando si lavora e si ha bisogno di tenerla sempre a portata di mano.

c)   Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del colore dell’artefatto

serio – riposante – neutro

d)   Descrivi con 3 aggettivi le sensazioni veicolate dalla scelta del materiale dell’artefatto

Riciclabile, di qualità, costoso.

Qualità funzionali

(rispondere in maniera discorsiva, max 500 parole, toccando i punti di seguito elencati, se rilevanti)

Indicare 2 tag che identifichino le qualità funzionali dell’artefatto.

a)   L’artefatto è finalizzato al raggiungimento di un risultato (funzione primaria)?Quale?

   La funzione primaria è quella di contenere documenti.

b)   L’artefatto svolge più funzioni? Quale è la funzione principale, quali le secondarie/accessorie?

Sì, lo scopo principale dela cartelletta portadocumenti è contenere i documenti, impedendo di perderli. Presenta anche funzioni secondarie, può contenere anche un CD e qualche biglietto da visita. È una parte integrante dell’immagine coordinata di un’azienda.

c)   La comprensione della destinazione d’uso è chiara? (ergonomia cognitiva)

La destinazione d’uso è intuitiva: é facile capire che cosa sia a prima vista.

d) L’utilizzo è facile e confortevole? (ergonomia formale)

Sì, la divisione dello spazio della cartelletta è chiarissimo, la parte del CD e la parte del portadocumenti sono ben distinti. È un prodotto abbastanza completo da soddisfare tutti i requisiti del cliente.

e)   In che modo l’artefatto entra in relazione con la lettura o il supporto (libro, rivista..)? Lo coadiuva, lo influenza, lo condiziona, lo limita, lo ostacola… etc. ? (dettagliare 200 battute)

In effetti questo prodotto non è progettato per la lettura in sé, perche lo spazio portadocumenti non permette di inserirvi tanti fogli e la parte con gli scomparti offre solo poche informazioni personali contenute nei biglietti da visita. Questo prodotto è progettato per essere usato come archivio/trasporto di documenti, non come supporto alla lettura.

f)     Viene usato in maniera individuale, in gruppo, o necessita di un numero di persone definito per poter essere utilizzato?

Questo tipo di cartelletta è ad utilizzo personale, individuale.

g)   Si usa da solo o insieme ad altri artefatti (oggetti complementari?)

I suoi oggetti complementari potrebbero essere una penna per prendere appunti, e una borsa dove trasportare la cartelletta.

h)   Può essere sostituito da altri oggetti che svolgono funzione analoga, simile (sostitutivi propri e impropri)?

Sì, esistono tanti altri tipi di cartellette che funzionano in modo leggermente diverso o non hanno tutti gli scomparti presenti in questa, ma che svolgono esattamente la stessa funzione.

i)     E’ un artefatto che può essere autoprodotto o personalizzato?

Sì, è un oggetto molto semplice, anche se a causa dei costi elevati delle macchine utilizzate per produrlo, non si avranno le stesse finiture o effetti superficiali autoproducendola per esempio in casa.

C’è possibilità di personalizzazione solo nel momento in cui ne venga commissionata una uguale da un’altra azienda. Sennò ci si può scrivere sopra per sapere che documenti contiene oppure il proprio nome per non perderla.

j)     Ha usi impropri?

Sì, potrebbe essere usata per trasportare qualcosa di più pesante o voluminoso di fogli e blocchetto.

k)   Esistono quante e quali varianti (funzionali: bambini/anziani, culturali: oriente/occidente) di questo artefatto? In cosa differiscono tra loro?

Potenzialmente questo artefatto può essere prodotto in tantissime varianti dedicate, variando le fantasie e i colori sulla copertina, aggiungendo o togliendo scomparti e inserendone altri a seconda della fascia di utenti cui è rivolta.

l)     L’artefatto richiede una competenza specifica per essere usato? Quale?

No, non serve.

m) Viene utilizzato in un contesto specifico? Quale?

No.

n) Si utilizza in pubblico o in privato?

Si utilizza sia in pubblico che in privato. Per esempio si può usare a casa per archiviare i documenti personali, come in ufficio davanti ai colleghi, oppure in un ente pubblico per consegnare o ricevere documenti ufficiali.

n)   Quanto tempo richiede il suo utilizzo?

Pochi secondi, giusto il tempo di estrarre il blocco per scrivere o i documenti da leggere, oppure riporveli.

p) Quali sono gli aspetti positivi di questo artefatto? E quelli negativi?

Aspetti positivi:

È un prodotto completo, vi si possono conservare documenti, un cd, biglietti da visita, blocco per appunti, insomma tutto ciò che può essere utile durante una riunione o un convegno.

Aspetti negativi:

È un prodotto con tante funzioni, ma non ci sono abbastanza tasche per contenere i documenti.

  • o)  Come questo artefatto potrebbe essere migliorato, reso più fruibile, più piacevole, più efficace, anche per un bacino di utenza più esteso (persone diversamente abili, di differenti nazionalità/etnie/religioni, etc…?)

   Si potrebbe apporre un’etichetta scrivibile sulla copertina per una rapida identificazione del contenuto. Potrebbe inoltre essere reso più completo con altri elementi come dei segnapagina o una piccola calcolatrice.

p)   E’ un artefatto che implica un coinvolgimento mentale?

No.

q)   L’artefatto è finalizzato alla modifica del supporto/contesto? In modo reversibile o irreversibile?

Non modifica il supporto.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s