Biblioteca – centro città (Amsterdam)

This slideshow requires JavaScript.


Scheda CONTESTI

Nome contesto: Biblioteca

Tipologia: centro città (Amsterdam)

Declinazione specifica: sala multimediale

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA a) CONTESTI PROPRI b) contesti neutri c) contesti impropri

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione  

L’ambiente è molto luminoso, tramite l’uso di scale aperte e soffitti alti è possibile farsi un’idea di come muoversi all’interno non appena entrati. L’accesso ai piani è consentito tramite una strettoia fra il banco informazioni/prestiti/restituzioni e le scale di accesso ai piani. Ogni piano riporta sul passamano un cartello luminoso che distingue le sezioni e le sale. All’interno dell’edificio oltre alle scaffalature, già di per se originali sono presenti spazi gestiti in maniera molto differente, affacci sulla città, sale wi-fi con postazioni portatile, videoteca, sale studio, sale lettura e altre stanze utilizzate per lo svolgimento di corsi e dibattiti. I percorsi sono inusuali e accompagnati da affacci interni su tutti i piani.

3) Indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Fondamentale, vasto, adeguato

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

a)     Dove è localizzato?

La biblioteca è collocata nel centro della città, vicino alla stazione centrale e non lontano dal centro storico, appare imponente e riporta in chiare lettere (enormi) la sua funzione.

b)     E’ un luogo fisso o mobile?

Fisso

c)      È pubblico o privato/domestico?

Pubblico

d)     All’aperto o al chiuso/interno?

È un locale chiuso

e)     E’ accessibile in modo libero o codificato?

È necessaria la tessera della città, che si ottiene come residenti e come turisti (con uso limitato)

f)       E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)?

Si tratta di un contesto proprio e quindi le sue principali funzioni d’uso sono correlate alla lettura, come allo studio, la catalogazione e ai supporti digitali; vengono però organizzati corsi di svariata natura, in quanto è possibile prenotare degli spazi per tenere ‘lezioni’ private o piccole sale conferenza per la presentazione di lavori.

g)     Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto?

La biblioteca apre tutti i giorni alle 8.30 e rimane aperta fino alle 18, fatta eccezione per alcune sale al piano terra utilizzate per gli eventi letterari

h)     E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale?

È uno spazio codificato per certi versi, in quanto il percorso obbligato e il gran numero di indicazioni, lasciano poco spazio all’inventiva. Ma percorrendo le diverse sale ci si muove in uno spazio dinamico, non ripetuto su ogni piano, ma progettato per l’uso che ogni utente decide di farne

i)       E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi?

Per quanto riguarda la sala multimediale, tutto il piano è organizzato fra una moltitudine di film e documentari e altrettante postazioni digitali incorporate in comodi divanetti o lungo alcuni tavoli (ad uso collettivo)

j)       Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante?

È possibile guardare un video individualmente in una delle postazioni predisposte all’ascolto in cuffia, oppure su alcuni tavoli in fondo alla sala e separati da pareti basse di vetro dove invece è prevista la fruizione di gruppo

k)     Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono?

Una volta entrati tramite la carta del cittadino (o del turista) si viene identificati ed è possibile accedere alle sale senza nessun altro attore coinvolto. Del personale è presente sui piani è può quindi fornire informazioni, e il badge li rende attori codificati

l)       Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)?

Tutte le azioni comuni alla lettura, come anche il prestito

m)   Qual’è l’azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

Una volta entrati all’interno si può prendere visione di ogni libro o filmato presente, dedicandosi del tempo per studiare, per la scelta o per la lettura stessa

n)     Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere?

Ad esempio disegnare, guardare filmati, giocare (in una piccola sezione al piano terra riservata ai bambini)

o)     Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc)

Le persone si muovono liberamente seguendo le indicazioni e i percorsi lungo le scale

p)     Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)?

Si utilizza questo luogo per alcune ore se è necessario studiare o rilassarsi leggendo un libro, oppure guardando un film. Oppure è possibile che in pochi minuti si scelgano i volumi da richiedere e fruirne altrove

q)     Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc?

è possibile muovere le sedie presenti all’interno alla ricerca del punto preferito per la lettura, e gli addetti alla catalogazione riordinano i volumi restituiti, ma sono tutte azioni che modificano temporaneamente lo spazio

r)      Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Positivo è l’ambiente luminoso, tagli lungo le pareti e soffitti aperti lo rendono molto spazioso  ma la presenza di poche sedute disinvoglia dal soffermarsi a leggere a lungo

s)      Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Un maggior numero di postazioni per lo studio inciterebbe i giovani a frequentare il posto, inoltre non era presente un reparto con i quotidiani


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s