Scuola – Aula lettura

Scheda CONTESTI

Nome contesto: Scuola

Tipologia: Scuola elementare

Declinazione specifica: Aula lettura

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:
a) contesti propri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2)Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)
La sala lettura è costituita da una stanza a pianta quadrata di piccole dimensioni nella quale si accede dal corridoio principale che collega gli ambienti della scuola elementare “Giusti” di Vicenza. La sala è dotata di librerie, scaffali, mensole e piccoli mobili disposti tutt’attorno al perimetro, mentre al centro si trovano due tavolini corredati da seggiole ognuna diversa dalle altre. Sia il tavolo che le sedie hanno gli spigoli arrotondati e sono di piccole dimensioni, cosi da facilitare l’uso da parte dei bambini e da ridurre qualsiasi possibilità di incidente. Tutto il mobilio è a misura di bambino, comprese librerie e mensole che sono ad altezza ridotta. La stanza è illuminata da quattro finestre e da una porta-finestra, tutte corredate di tendine, alle quali si aggiungono due lampade al neon fissate al centro del soffitto che rendono l’ambiente poco caldo e accogliente. Di fianco all’ingresso si trova l’unico termosifone della piccola sala che, avendo un soffitto basso, è facile da scaldare e riduce la dispersione del calore. All’ingresso vi è una porta che viene opportunamente richiusa al termine della lezione dalla maestra o dal personale A.T.A.per evitare che qualche bambino vi possa entrare di nascosto e senza il controllo di un adulto.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

essenziale – arrangiato – poco accogliente

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

  1. Dove è localizzato?
    L’aula si trova all’interno della scuola elementare “Giuseppe Giusti” di Vicenza.
  2. E’ un luogo fisso o mobile?
    E’ un luogo fisso.
  3. E’ pubblico o privato/domestico?
    E’ un luogo pubblico.
  4. All’aperto o al chiuso/interno?
    E’ al chiuso.
  5. E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)
    E’ accessibile in maniera codificata in quanto l’accesso è consentito ai bambini solo con l’accompagnamento delle maestre o con la supervisione del personale A.T.A.
  6. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)
    E’ un luogo specializzato in quanto viene fruito unicamente per la lettura e la conservazione dei libri.
  7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)
    L’accessibilità è vincolata dagli orari di apertura/chiusura della scuola e dall’ora di lezione dedicata allo spazio lettura.
  8. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)
    E’ uno spazio strutturato per la funzione della lettura poiché presenta un mobilio specifico. Allo stesso tempo questo può essere modificato e usato in base alle esigenze degli utenti.
  9. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)
    E’ equipaggiato con due piccoli tavoli a cui sono associate otto seggioline, diverse librerie a parete, alcune mensole fissate a muro e diversi mobili che poggiano a terra. Tutto il mobilio svolge la funzione di contenimento e lettura del libro, ai quali si aggiunge un appendiabiti all’ingresso.
  10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)
    Lo spazio viene fruito da più persone contemporaneamente e, più raramente, unicamente da un bambino accompagnato dalla maestra. Nello sala possono stare circa venti bambini più una maestra ed il numero varia dalla composizione della classe.
  11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)
    Gli attori all’interno dello spazio sono le maestre e gli alunni e tali ruoli sono codificati. Le prime istruiscono e sorvegliano gli alunni, leggono ad alta voce un libro. Gli alunni, invece, si dispongono all’interno della sala e devono ascoltare con attenzione la maestra o leggere autonomamente rimanendo in silenzio e composti.
  12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)
    Vi si svolgono le azioni di lettura e di ascolto. I libri possono anche essere presi in prestito e portati a casa.
  13. Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?
    Lo spazio è pensato per la conservazione e la lettura dei libri.
  14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)
    L’aula può essere sfruttata per fare alcune lezioni oppure come area ricreativa per i bambini, tenendo conto dello spazio ridotto e del mobilio che può in evenienza essere spostato a piacere.
  15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)
    Le persone si muovono liberamente senza limitazione negli spostamenti. Vi sono però alcune procedure più precise e definite, come ad esempio quella di riporre le giacche sull’appendiabiti, oppure di dirigersi verso una libreria per prendere un libro specifico ed infine di sedersi e prendere posto sui tavolini al centro della sala.
  16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)
    Le modalità temporali possono essere molteplici ma devono tener conto degli orari di apertura/chiusura della scuola; la modalità di utilizzo, invece, è generalmente limitata alla durata della lezione, dunque può essere da un minimo di un’ora ad un massimo di due ore consecutive per una o più volte la settimana.
  17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)
    Gli attori possono modificare lo spazio spostando il mobilio disponendo lateralmente i tavoli così da creare uno spazio vuoto al centro della sala. Anche le librerie posso essere spostate, anche se quest’azione è limitata agli adulti in quanto esse sono molto pesanti. Tali modifiche, però, sono temporanee e reversibili in quanto a fine giornata è compito del personale A.T.A. di riordinare lo spazio.
  18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?
    Aspetti positivi: mobilio funzionale e a misura di bambino, scaffali accessibili e non troppo alti, assenza di spigoli, possibilità di scelta dei libri.
    Aspetti negativi: poche sedute a disposizione, scomodità nel sedersi per terra, spazio ristretto, alcuni mobili potrebbero crollare se tirati dai bambini.
  19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?
    Si potrebbe rivestire il pavimento con tappeti e cuscini in modo da consentire ai bambini un maggior comfort nel caso fossero costretti a sedersi a terra. Si potrebbe ridistribuire lo spazio organizzando meglio il mobilio, creando da un lato la zona lettura e da quello opposto la zona di contenimento dei libri, separando così i due contesti. Un’altra idea potrebbe essere quella di rendere le sedie e i tavolini delle costruzioni a grandezza di bambino che diano sfogo alla creatività di quest’ultimo sfruttando anche i tappeti, i cuscini e le stoffe per ricreare degli spazi-tenda per coniugare la lettura al gioco.
  20. … altro?
    Per aumentare il coinvolgimento dei bambini alla lettura si potrebbe disporre lo spazio in modo da consentire alla maestra di sedersi al centro della sala e agli alunni di disporsi attorno a lei, richiamando l’immagine della lettura di storie davanti al focolare.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s