Salone del mobile/salone satellite

Nome contesto: Salone del mobile
Tipologia: Salone del mobile di Milano a Rho Fiera
Declinazione specifica: Salone Satellite

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA c) contesti impropri

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione (500 parole max)
E’ una grande porzione del salone del mobile in cui sono esposti progetti di giovani designers. Le condizioni di luce sono artificiali e la zona è divisa da numerosi stand dedicati a giovani designers di diverse parti del mondo e trattanti argomenti diversi.
3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto
-interessante –stimolante –divertente

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.
1. Dove è localizzato?
All’interno del salone del mobile di Milano.
2. E’ un luogo fisso o mobile?
E’ un luogo fisso durante il salone e viene smantellato finita la fiera.
3. E’ pubblico o privato/domestico?
E’ un edificio pubblico (anche se è dedicato agli operatori del settore)
4. All’aperto o al chiuso/interno?
Si trova al chiuso.
5. E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)
L’accesso è possibilitato a quelli del settore e c’è una quota per poter entrare.
6. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)
E’ un luogo specializzato alla mostra dei nuovi prodotti e innovazioni.
7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)
I tempi di accessibilità sono diversi sia considerando la zona in cui ci si trova sia il ruolo che si ha all’interno del settore e della fiera (gli espositori non devono pagare il biglietto e non hanno fila)
8. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)
E’ uno spazio strutturato in cui ognuno ha il proprio ruolo.
9. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)
E’ equipaggiato per ogni funzione che deve svolgere e spesso sono anche gli attori stessi che fanno in modo di rendere lo spazio sempre più adatto alla sua funzione.
10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)
Lo spazio viene fruito da più persone, espositori, osservatori, imprenditori, appassionati.
11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)
Ogni attore ha il suo compito: gli espositori cercheranno di vendere il loro prodotto, gli imprenditori valuteranno un possibile investimento, appassionati troveranno nuovi spunti.
12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)
E’ una zona molto libera in cui sono presenti molte sedute in cui ci si può fermare a leggere sia qualcosa di non attinente sia dei libri e degli opuscoli presi all’interno.
13. Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?
L’azione principale che viene svolta è la lettura delle notizie relative ai vari stand.
14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)
Camminare, osservare, riposarsi, conversare, discutere, comprare.
15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)
Ogni persona si muove liberamente.
16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)
Lo spazio è sempre fruibile in orario d’apertura per tutto il periodo del Salone, a parte il periodo dedicato agli operatori del settore ed espositori.
17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)
Lo spazio può essere modificato dagli espositori e dagli organizzatori ma gari apportando modifiche strutturali agli stand o alla posizione di ciò che viene esposto.
18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?
Gli aspetti positive sono la possibilità di confrontare e confrontarsi, mettersi in mostra.
Gli aspetti negative sono ad esempio il costo.
19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?
Dovrebbe essere dotato di più punti di ristoro e la possibilità di interagire con tutti e/o la possibilità almeno di comprendere gli opuscoli non tradotti lasciati in qualche stand.

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s