Sala lettura: Sala lettura della Biblioteca Civica Affori

Scheda CONTESTI

Nome contesto: Sala lettura

Tipologia: Infrastruttura cittadina

Declinazione specifica: Sala lettura della Biblioteca Civica Affori

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA        a) contesti propri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione (500 parole max)

La sala lettura è situata al primo piano della biblioteca cittadina di Affori ed è ampia 150 mq. La biblioteca è ospitata nell’edificio monumentale di Villa Litta, le cui caratteristiche architettoniche sono state preservate anche dopo il restauro. Il soffitto è infatti molto alto e a cassettoni, con grandi ed elaborati lampadari, e antichi balconcini in ferro battuto che si affacciano sulla sala dal piano superiore. Il pavimento è in legno, le pareti sono bianche e le finestre sono riparate da tende di pizzo ingiallite dal tempo. Sulla destra c’è una zona relax con due divani a due posti, una macchinetta del caffè e un pianoforte a coda per le pause dallo studio o dalla lettura. Quattro scrivanie sono posizionate sulla sinistra, e la prima della fila si affaccia sul parco tramite cinque ampie finestre che illuminano il salone con luce naturale, in modo congeniale alla lettura. Accanto alle due porte laterali sono presenti due poltroncine con un tavolino e una lampada, per letture rilassanti.

3) Indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Educativo – spazioso – luminoso

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1. Dove è localizzato?

Ad Affori, in via Affori 23.

2. È un luogo fisso o mobile?

È un luogo fisso.

3. È pubblico o privato/domestico?

Pubblico.

4. All’aperto o al chiuso/interno?

La sala lettura è situata al chiuso, all’interno della Biblioteca Civica di Affori.

5. È accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)

In modo libero.

6. È un luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)

È un luogo specializzato funzionalmente dagli usi multipli. È suddiviso in aree destinate ad usi diversi ( tavoli per lo studio, poltroncine per la lettura, divanetti per rilassarsi,..)

7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)

Alla sala lettura si può accedere durante gli orari di apertura della biblioteca: dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 19.30, il mercoledì dalle 14 alle 19.30. Da lunedì a venerdì la sala lettura rimane aperta fino alle 23.00.

8. È uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)

È uno spazio codificato, dove ogni area è destinata ad una precisa funzione, e dove gli utenti sono tenuti a rispettare determinate regole di comportamento (es. non fare rumore, non sporcare, non costumare cibi,…)

9. È attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)

La sala è attrezzata con tavoli e sedie per rendere possibile lo studio, e varie sedute più comode destinate alla lettura e ai momenti di pausa. Ulteriori sedie sono a disposizione degli utenti, impilate contro il muro, nel caso di grande affluenza o in occasione di letture pubbliche e conferenze.

10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)

La sala è pensata per accogliere circa una cinquantina di persone, ma l’affluenza varia a seconda dei giorni e del momento della giornata.

11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)

Gli utenti che fruiscono della sala lettura hanno un ruolo non codificato: possono leggere, studiare, ascoltare la musica, bere un caffè, riposarsi, … Gli altri attori coinvolti sono dipendenti della Biblioteca, e il loro ruolo è quindi codificato: possono sorvegliare la sala, pulirla, riordinarla, manutenerla, ecc…

12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)

È possibile leggere, studiare, consultare libri, fare delle fotocopie.

13. Qual è l’azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)? 

Leggere e studiare.

14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)

Prendere il caffè, svagarsi, chiacchierare sottovoce, ascoltare la musica, ammirare il parco fuori dalla finestra.

15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. ecc.) (dettagliare 200 battute)

Liberamente, secondo gli obiettivi prefissati da ognuno e nei limiti delle regole di comportamento.

16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata ecc.)? (dettagliare 200 battute)

Gli utenti possono usufruire dello spazio in qualunque momento della giornata, a piacere, durante l’orario di apertura. Generalmente chi vi si reca per cercare e leggere un libro si sofferma meno tempo di chi invece vi si reca per studiare, che può arrivare anche a passare una giornata intera chiuso nella sala lettura.

17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni  etc? (dettagliare 200 battute)

Gli attori possono modificare la disposizione dell’arredo: ci sono sedie in più che possono essere aggiunte ai tavoli, che possono essere spostati all’interno della stanza. Si tratta comunque di modifiche temporanee e reversibili.

18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Positivi:

È un luogo piacevole in cui studiare e leggere, immerso nel verde nonostante si trovi in città.

Negativi:

I posti a sedere non sono molti, nei momenti di maggiore affluenza c’è il rischio di non trovare posto. Ci sono moltissime sedie in più a disposizione, impilate contro i muri, ma i tavoli sono pochi e possono ospitare al massimo 6-8 persone.

19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Lo spazio a disposizione non manca per aggiungere qualche tavolo, o qualche postazione individuale di studio. Si potrebbe spostare la zona relax nella stanza accanto in modo da avere più spazio libero ed evitare che chi è in pausa e si vuole prendere il caffè possa disturbare chi invece sta studiando.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di dividere in modo un po’ più definito la zona studio da quella relax, con un elemento divisorio, inoltre attrezzare le postazioni in modo che chi studia da solo possa isolarsi meglio, mentre chi voglia, invece, studiare in gruppo possa, magari, personalizzare la disposizione dei tavoli e collocarsi in maniera da non disturbare gli altri.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s