Rifugio degli alpini, Monte Cimosco

Nome contesto: Montagna
Tipologia: Rifugio alpino
Declinazione specifica: Rifugio degli alpini, Monte Cimosco

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA c) contesti impropri

1) Almeno 3 immagini

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione (500 parole max)
È situato in uno spazio naturale, costituito da grandi spazi all’aperto, di solito in zone isolate che sono raggiungibili solo a piedi. Consente di illuminazione naturale e di viste panoramiche.
3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto
Suggestivo – isolato – rilassante
4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.
1. Dove è localizzato?
Situato in località Montecampione a 1870 metri di quota, più precisamente a Gianico in provincia di Brescia.

2. E’ un luogo fisso o mobile?
È un luogo fisso.

3. E’ pubblico o privato/domestico?
È un luogo privato.

4. All’aperto o al chiuso/interno?
È un luogo all’aperto.

5. E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)
Accessibile in modo libero da chiunque voglia soffermarsi a ristorare o riposare dopo una camminata in montagna e gustare tipicità del luogo.

6. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)
È un luogo che può svolgere diverse funzioni: quella area di ristoro tipico con specialità del luogo, zona di relax per sorseggiare una bevanda gustandosi il panorama di montagna oppure quella di ostello per soffermarsi la notte e per proseguire il cammino la mattina successiva.

7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)
Il rifugio è aperto tutto l’anno, di inverno per il periodo sciistico e d’estate per il periodo escursionistico. È aperto quasi esclusivamente nelle ore diurne della giornata, salvo qualche occasione particolare dove vengono organizzati feste o sagre con pranzi serali.

8. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)
Di solito è realizzato con tecniche costruttive tipiche delle zone di montagna, e presenta un arredamento anch’esso tipico delle culture di montagna, realizzato quasi esclusivamente in pietra, legno e ferro battuto e, proprio per questo, molto spartano ed informale.

9. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)
È equipaggiato con sedie, tavoli, panche rigorosamente il legno ma è possibile anche trovare sdraio o lettini per poter prendere il sole sulla terrazza esterna.

10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)
È fruito da molte persone, specialmente nei periodi invernali con l’aprirsi della stagione sciistica, vi è un grande afflusso turistico e di vacanzieri che si soffermano presso queste strutture per fare una pausa, riscaldarsi un attimo e rifocillarsi velocemente per poi riprendere a sciare.

11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)
Svolgono varie funzioni: vi è chi si gusta una tazza di cioccolata o di tè, chi si rifocilla con un piatto tipico, chi prende il sole sulle terrazze esterne.

12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)
Non sono presenti all’interno forniture bibliografiche di libri da poter comprare o consultare ma vi si possono trovare cartine geografiche, con i percorsi della zona da poter seguire a piedi per raggiungere altri rifugi o luoghi di attrattiva della valle, o si possono trovare libri riguardante la flora e la fauna del luogo.

13. Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?
Leggere un libro, una rivista, un quotidiano, mentre si sorseggia una tazza di tè sulla terrazza al sole ammirando il paesaggio.

14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)
Ci si può ritrovare con gli amici, mangiare un boccone, fare una chiacchierata, bere qualcosa, prendere il sole, ascoltare della musica, si possono organizzare escursioni, andare a raccogliere frutti o funghi, andare a pesca o a caccia (se consentito dalla legge), fare fotografie del paesaggio e qualsiasi altra attività legata al vivere l’ambiente naturale. Vi può essere la possibilità di acquistare prodotti locali come formaggi, salumi, miele…

15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)
Si muovono liberamente, possono svolgere l’attività che più desiderano ma, trovandosi in uno spazio naturale, sono invitati a rispettare alcuni comportamenti di salvaguardia verso l’ambiente.

16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)
L’utilizzo dello spazio è limitata alle ore diurne della giornata, ovvero dalla mattina fino all’ora di cena.

17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)
Gli attori non possono modificare lo spazio anzi, nel modificarlo si perderebbero le caratteristiche di tipicità del luogo che lo contraddistinguono da altri.

18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?
Aspetti positivi: stare a contatto con la natura e stare isolati dal caos cittadino, poter trovare oggetti e gustare pietanze tipiche, godere di viste paesaggistiche uniche.
Aspetti negativi: questi luoghi si trovano in luoghi abbastanza isolati, molto spesso non raggiungibili con mezzi motorizzati, di conseguenza richiedo una minima preparazione fisica per raggiungerli, non a portata di tutti; spesso non sono raggiunti dalla linea elettrica e quindi non vi è la possibilità di utilizzare dispositivi elettronici;

19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?
Potrebbero essere allestite delle zone esclusivamente per la lettura, magari in punti particolarmente panoramici, in modo da essere distaccati dalle altre zone del rifugio che vengono utilizzate da altre persone; si potrebbe creare un piccola biblioteca dove i visitatori possono scegliere liberamente un libro da leggere mentre si sorseggiano un tè o una cioccolata calda;

20. … altro?

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s