PINACOTECA DI BRERA-museo d’arte

Scheda CONTESTI

Nome contesto: PINACOTECA DI BRERA – MILANO

Tipologia: museo

Declinazione specifica: museo d’arte

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA b) contesti neutri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.


2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

La Pinacoteca di Brera si trova a Milano in prossimità del Piccolo Teatro, in una zona fertile dal punto di vista artistico, e assieme all’Accademia costituisce un importante valore aggiunto in questo campo.

Il museo si trova in un palazzo antico che è strutturato su due piani: al piano inferiore si trovano le aule dell’Accademia di Brera (scuola per le arti ed il restauro), al piano superiore vi è il museo vero e proprio (Pinacoteca). Lo spazio del museo è strutturato attraverso la suddivisione di ambienti a seconda della funzione cui devono adempiere: l’ingresso presenta una libreria dove è possibile acquistare testi e guide illustrative delle opere presenti all’interno del museo; di seguito si apre un corridoio con la biglietteria che consente l’accesso al museo, che si sviluppa in un’alternanza di sale medie e grandi (a seconda delle opere che devono ospitare) e corridoi.

In alcuni ambienti, di fronte alle opere o sparse per il museo, vi sono situate delle sedute (dalla forma classica) per permettere di osservare le opere da seduti o per riposarsi. Sul soffitto vi sono alcuni lucernai che permettono alla luce solare di entrare negli spazi, illuminandoli naturalmente.

Tuttavia, anche l’illuminazione artificiale è ben progettata (puntando contro i soffitti permette che la luce venga diffusa affinché si possa creare un’atmosfera suggestiva, che non dia fastidio ai visitatori e che non punti sulle opere per non rovinarle).

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Artistico (esposizione di quadri e opere d’arte), affascinante, fluttuante (la luce consente ad alcune opere di “galleggiare”)

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

  1. Dove è localizzato?

E’ localizzato in via Brera, in una zona molto attiva dal punto di vista artistico nelle vicinanze del Castello Sforzesco e del teatro Piccolo di Milano. Il museo si trova in un palazzo antico al cui interno si trova un giardino; il palazzo è strutturato su due piani: al piano inferiore si trovano le aule dell’Accademia di Brera (scuola per le arti ed il restauro), al piano superiore vi è il museo vero e proprio (Pinacoteca). Accanto al palazzo si trova anche il giardino botanico.

  1. E’ un luogo fisso o mobile?

E’ un luogo fisso, situato al piano superiore di un palazzo.

  1. E’ pubblico o privato/domestico?

E’ un museo aperto al pubblico (luogo pubblico).

  1. All’aperto o al chiuso/interno?

Al chiuso: poiché contiene opere d’arte la cui conservazione richiede un luogo coperto per non subire danni ai lavori. All’interno fungono da contesto per quadri e sculture ampie sale alternate, da corridoi di medie dimensioni, a sale anch’esse di medie dimensioni.

  1. E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)

E’ accessibile in modo codificato: chiunque può accedere comprando il biglietto all’ingresso. Gli studenti dell’Accademia (sottostante), delle scuole d’arte e delle facoltà di architettura possono accedere senza pagare, mostrando semplicemente un riconoscimento universitario; gli studenti di altre facoltà possono avere una riduzione sul prezzo (6.50 €), che normalmente è di 9 €.

  1. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)

Lo scopo del luogo è quello di creare uno spazio per l’esposizione di opere d’arte (quadri di importanti artisti e statue in marmo anche di dimensioni considerevoli); tuttavia, contiene anche una sezione dedicata al restauro delle opere che sono contenute nel museo. La funzione primaria è quella di esporre le opere, rendendole accessibili e visibili ai visitatori.

  1. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)

L’accesso al negozio è consentito dalle 8.30 alle 19.15 dal martedì fino alla domenica. Nelle ore in cui è ancora presente il sole, è possibile visitare il museo immerso nella luce naturale, avvolto da un velo di fluttuante leggerezza. Tuttavia l’illuminazione è ben progettata anche per quando all’esterno è buio.

  1. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)

Lo spazio è strutturato secondo la suddivisione di ambienti a seconda della funzione cui devono adempiere: l’ingresso presenta una libreria dove è possibile acquistare testi e guide illustrative delle opere presenti all’interno del museo; di seguito si apre un corridoio con la biglietteria che consente l’accesso al museo, che si sviluppa in un’alternanza di sale medie e grandi (a seconda delle opere che devono ospitare) e corridoi. Le opere nelle varie sale sono raggruppate, secondo diverse caratteristiche, e sono limitate da transenne, che non consentono ai visitatori di toccare le opere e il visitatore può sedersi su alcune sedute poste di fronte ai quadri o sparse per il museo.

  1. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)

Per quanto riguarda la funzione di libreria è attrezzato con dei ripiani e scaffali dove sono esposti i libri; la biglietteria presenta due casse dopo le quali si sviluppa il museo in cui i quadri sono esposti in cornici e delimitati da piccole transenne affinché i visitatori non possano toccarli e rovinarli; inoltre, di fronte alla maggior parte delle opere o sparse per il museo vi sono situate delle sedute (dalla forma classica) per permettere di osservare le opere da seduti o per riposarsi. Sul soffitto vi sono alcuni lucernai che permettono alla luce solare di entrare negli spazi, illuminandoli naturalmente. Per i reparti dedicati al restauro delle opere sono presenti attrezzature quali ambienti chiusi trasparenti dove poter lavorare nelle condizioni ottimali ma, nello stesso tempo, rendendo il lavoro visibile ai visitatori e attrezzature utili al restauro vero e proprio (aspiratori, vernici, stucco).

  1. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)

Lo spazio può essere fruito sia singolarmente sia in più persone. E’ possibile visitare il museo anche in gruppi con visite guidate. Essendo un luogo dove vengono esposte opere d’arte, anche se si effettua la visita con altre persone, l’utente cerca di creare un rapporto personale con i quadri e le statue esposte, passando del tempo da solo. In caso di abbondante affluenza di visitatori, l’ingresso viene effettuato a gruppi di circa una quarantina di persone affinché all’interno non si crei un ambiente caotico e si possano guardare più tranquillamente le opere.

  1. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)

I ruoli dei vari attori sono dettati dal compito che svolgono gli stessi: vi sono uno o due addetti alle casse della libreria, uno o due addetti alle casse della biglietteria (max due casse), una persona del ministero dei beni culturali, il cui compito è fornire informazioni ai visitatori, una persona il cui ruolo è controllare i biglietti all’ingresso e una persona per ogni sala che che controlli che le regole del museo vengano osservate e rispettate; inoltre, vi sono i restauratori il cui ruolo è rinnovare, riparare e ripristinare le opere rovinate presenti all’interno del museo: questo compito viene adempito in una sala del museo, accessibile ai visitatori che possono seguire le operazioni di restauro delle opere.

  1. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)

Le azioni relative al libro e alla lettura sono relative alla consultazione, al trasporto e all’acquisto di libri e dispense riguardanti le opere presenti al museo: all’interno della libreria è possibile consultare, sfogliare e acquistare dei libri; durante la visita è possibile consultare testi esplicativi delle opere che si sta guardando affinché si possano capire meglio; inoltre, in ciascuna stanza vi sono dei supporti contenenti delle schede che spiegano la sala in cui ci si trova. Degno di particolare attenzione, il comportamento di una grande parte di persone che esegue la visita del museo con testi e dispense in mano, trasportandoli lungo il tragitto attraverso la Pinacoteca.

  1. Qual è l’azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

L’azione principale che si svolge all’interno del museo è la consultazione di testi riguardanti le opere che si sta guardando affinché si possano capire a fondo e si possa capire meglio il suo significato; per questo motivo in ogni sala sono disponibili delle schede di approfondimento consultabili all’interno del museo. E’ possibile sfogliare i testi su alcune sedute poste nei locali (di fronte ad alcune opere o sparse).

  1. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)

L’azioni non relativa al libro o alla lettura che si può svolgere all’interno è visitare il museo guardando le opere, senza consultare testi, instaurando con le opere un rapporto concettuale – visivo. Molte azioni sono limitate da alcune regole: è possibile parlare solo a bassa voce senza disturbare gli altri visitatori, non è possibile fare fotografie ma è possibile disegnare.

  1. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)

All’interno dello spazio ci si può muovere liberamente, anche se la strutturazione della mostra suggerisce un percorso predefinito; tuttavia, bisogna seguire alcuni comportamenti dettati dalle regole del museo per preservare le opere e mantenere un clima adatto per osservarle: bisogna parlare a bassa voce per non disturbare gli altri visitatori, è vietato toccare i quadri e fare fotografie.

  1. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)

In genere, la durata della visita nel negozio può andare da dieci minuti per gli utenti interessati solo ad osservare com’è il luogo a mezz’ora, per gli utenti che acquistano prodotti, fino anche a più tempo per coloro i quali usufruiscono del servizio di ristorazione.

  1. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)

Gli utenti non non possono modificare lo spazio in cui si trovano, in quanto la disposizione e l’allestimento sono prestabiliti; al contrario non devono toccare le opere, parlare a bassa voce ed è vietato fare fotografie per preservare un clima sonoro e visivo e le opere.

  1. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Gli aspetti positivi sono che prima di entrare nel museo vero e proprio si passa attraverso libreria ed è possibile acquistare testi esplicativi delle opere che si sta andando a vedere, rendendo più piacevole e approfondita la visita, capendo meglio le opere. Da notare le schede per una consultazione interna che forniscono alcune spiegazioni senza dover acquistare libri o guide.

Gli aspetti negativi sono che l’utente deve portare con sé lungo tutto il tragitto della visita dei libri, azione che può risultare scomoda e faticosa (in caso di libri ingombranti e pesanti), inoltre a lato dei quadri non vi sono spiegazioni riguardanti gli stessi, quindi è richiesto un supporto per conoscere meglio le opere.

  1. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Dal punto di vista degli usi relativi al libro e della lettura, questo contesto potrebbe essere migliorato inserendo delle spiegazioni accanto ai quadri o alle statue; inoltre si potrebbe fornire ai visitatori (con una piccola integrazione al prezzo del biglietto) una borsetta con dentro un testo che aiuti a seguire meglio la mostra del museo, spiegando le varie opere presenti, che poi andrebbe restituito alla conclusione della visita.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s