Ospedale – Camera di degenza

Scheda CONTESTI

Nome contesto:  Ospedale

Tipologia: Camera di degenza

Declinazione specifica: Casa di cura S. Rita di Bari

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:
b) contesti neutri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

E’ un ambiente semplice ed essenziale dominato interamente dai due letti paralleli forniti di rotelle per poter essere facilmente spostati e disposti contro una delle pareti. Sopra di essi vi sono due lampade a doppio fascio (diretto e a diffusione), le prese della corrente e quelle dell’ossigeno e del gas. Contro la parete opposta vi sono un tavolino, due sedie e una televisione appesa al muro. Altri elementi di arredo sono due comodini a rotelle in compensato rosso e plastica posti a sinistra di ogni letto e un armadio a due ante nelle stesse tonalità. La porta di entrata rossa è posta alla sinistra dei letti mentre sul lato di fronte vi è una porta-finestra che si affaccia sul balconcino e un’altra porta dello stesso colore.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

fredda – funzionale – spoglia

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

  1. Dove è localizzato?
    La stanza si trova al secondo piano della Casa di Cura di Bari.
  2. E’ un luogo fisso o mobile?
    É un luogo fisso.
  3. E’ pubblico o privato/domestico?
    É un luogo privato poiché è il luogo di soggiorno di due persone.
  4. All’aperto o al chiuso/interno?
    È al chiuso.
  5. E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)
    E’ accessibile solo quando si è un paziente dell’ospedale o un membro del personale medico, ed inoltre è possibile accedervi se si fa visita ad un proprio caro ricoverato seguendo gli orari di visita.
  6. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)
    E’ un luogo caratterizzato da usi multipli in quanto il paziente utilizza quell’ambiente per tutte le attività quotidiane e il personale medico vi compie le terapie curative.
  7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)
    Per il paziente e il personale medico non vi sono orari di accesso. I visitatori invece possono accedervi per un tempo limitato dalle 17.00 alle 20.00 tutti i giorni della settimana ai quali si aggiungono i casi in cui i medici consentono l’accesso anche al di fuori degli orari di visita.
  8. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)
    E’ uno spazio molto codificato, diviso secondo le funzioni svolte. Vi si riconoscono una zona di riposo, una di intrattenimento, una dedicata ai pasti, una legata alle cure mediche e una di conservazione degli effetti personali.
  9. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o dotazioni) e dispositivi? (dettagliare 200 battute)
    E’ attrezzato con due letti dotati di rotelle con inclinazione regolabile elettricamente al cui lato sinistro vi sono due comodini muniti di rotelle e ad altezza letto formati da un piano, un cassetto e un vano chiuso da un’antina. Nella zona di intrattenimento vi è un tavolino con due sedie e un piccolo televisore a muro mentre su un lato della stanza vi sono due armadi identici composti da una barra appendi abiti, una mensola e due cassetti. Dietro il letto vi sono le prese per gli strumenti terapeutici, i bocchettoni di ossigeno e gas, la luce diretta specifica per il letto ed ulteriori prese elettriche.
  10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)
    Lo spazio è usufruito principalmente da due persone, i pazienti, le quali lo utilizzano per molto tempo. Vi sono poi altre persone che si servono temporaneamente di tale ambiente, come i medici, gli infermieri, i membri dell’ospedale oppure i parenti dei pazienti.
  11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)
    I principali attori sono i due pazienti che vi soggiornano. Il personale medico accede alla camera per prestare cure e terapie ai malati. Inoltre, durante le ore di visita, possono utilizzare lo spazio anche i parenti e gli amici dei degenti. Queste ultime due categorie devono seguire le norme di privacy e di rispetto nei confronti delle persone malate.
  12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)
    Si può leggere un libro o giornale sul letto oppure sul tavolino, conservare il supporto, scrivere, prenderne uno in prestito dal servizio biblioteca, acquistare un giornale dal giornalaio che passa lungo il corridoio.
  13. Qual è l’azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?
    L’azione principale è leggere il supporto. Il paziente può autonomamente leggere a letto sdraiato o appoggiato al piano estraibile del comodino, oppure seduto su una sedia con il libro sul tavolino. Inoltre può essereci una seconda persona a leggere il libro ad alta voce qualora il malato non ne sia in grado.
  14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)
    Il degente svolge tutte le azioni giornaliere: dormire, vestirsi e in alcuni casi lavarsi, mangiare, chiacchierare e ricevere cure mediche. Il personale ospedaliero presta le cure, mentre i visitatori svolgono azioni inerenti all’intrattenimento del paziente e al rifornimento di biancheria ed effetti personali di consumo.
  15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)
    I pazienti utilizzano lo spazio liberamente cercando di non arrecare disturbo al proprio compagno di camera. Anche i parenti possono muoversi liberamente, rispettando gli orari di accesso. Il personale, invece, ha un comportamento regolato da procedure fisse: entrando, si dirige solitamente al letto dove vi è il paziente per prestagli le cure necessarie.
  16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)
    I pazienti utilizzano lo spazio tutto il giorno uscendo solo per ricevere alcune cure mediche o per passare del tempo con altri degenti. Il personale medico vi accede in base alle necessità ma vi sosta per breve tempo, mentre i visitatori usufruiscono dello spazio solo saltuariamente nel pomeriggio o comunque durante gli orari di accesso.
  17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)
    Vi possono essere applicate varie modifiche temporanee come lo spostamento di letto, comodino e sedie. Non si possono però apportare cambiamenti sostanziali in quanto lo spazio è progettato per un determinato tipo di arredo e disposizione. Vi si possono anche aggiungere nuovi strumenti utili per le cure mediche come sostegni per le flebo o macchinari specifici.
  18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?
    Aspetti positivi: disponibilità di tempo da dedicare alla lettura, luce diretta, il libro diventa un sollievo dal dolore, ambiente privo di distrazioni.

    Aspetti negativi: scomodità di leggere sia a letto che al tavolo, mancanza di elementi per la conservazione dei libri, poco spazio a disposizione, necessità di spostarsi per prendere un libro o giornale, ambiente non domestico e poco familiare, solitudine, impossibilità di scandire gli orari della giornata a proprio piacimento.

  19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?
    Migliorare la lettura a letto con sistemi di supporto del libro che si possano adattare a varie situazioni, creare un ripiano per posizionare il libro e riprenderlo comodamente in ogni momento e posizione, mettere a disposizione dei pazienti dei sistemi di consegna dei libri più efficaci. Si potrebbe studiare un supporto che migliori la postura del degente, in modo da consentire minor affaticamento e maggior comfort durante la lettura. La lettura però non è unicamente compiuta dal paziente ma viene anche effettuata dal personale medico (cartelle cliniche) e dai visitatori, dunque si potrebbero studiare diversi supporti che aiutino anche questi ulteriori attori nella lettura.
  20. … altro?
    Considerato che l’ospedale è un luogo caratterizzato da solitudine e tristezza, si può sfruttare la lettura come mezzo di distrazione. Si potrebbero organizzare momenti di lettura comune con gli altri ospiti comprendenti svariati temi in modo da creare una piccola comunità di lettura, di ricreazione, di ricerca culturale.
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s