Motorino 2

Nome contesto: MOTORINO

Tipologia: MEZZO DI TRASPORTO

Declinazione specifica: MOTORINO FERMO

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA c) contesti impropri 

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.


2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

Il contesto analizzato è il motorino fermo. Esso si trasforma da mezzo di trasporto a semplice seduta o ripiano sul quale si possono temporaneamente appoggiare oggetti  Nel primo caso si può utilizzare in maniera canonica o usare il manubrio come appoggio per la schiena allungando le gambe sulla sella. In base al modello, però, lo spazio a disposizione aumenta o diminuisce. Normalmente uno scooter di piccola cilindrata possiede una pedana e una sella lunga che diventano supporti per appoggiare temporaneamente oggetti quando il veicolo non viene usato. Le dotazioni standard sono anche un vano sotto sella dove poter tenere il casco o altri oggetti di piccole dimensioni.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

– comodo

– versatile

– giovanile

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1.      Dove è localizzato? All’aperto

2.      E’ un luogo fisso o mobile? Fisso

3.      E’ pubblico o privato/domestico? Privato

4.      All’aperto o al chiuso/interno? All’aperto

5.      E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)

Essendo un mezzo di trasporto privato, può essere usato in maniera libera e autonoma dal proprietario. Non presenta nessun codice per quanto riguarda il modo di accesso durante la sosta.

6.      E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)

La funzione principale del motorino è quella di mezzo di trasporto, del guidatore-passeggero e di eventuali zaini e borse. In questo contesto il motorino è fermo e quindi viene a mancare la sua funzione principale sostituita da usi secondari che prima non venivano presi in considerazione; in particolare il motorino fermo può essere usato come seduta (anche in maniera non canonica) in punti di ritrovo (per esempio un parco o il parcheggio della scuola); quando viene riposto in garage nel periodo invernale esso diventa anche uno spazio in più sul quale appoggiare oggetti temporaneamente.

7.      Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)

Il motorino, come mezzo di trasporto privato, non ha un tempo di accessibilità definito in quanto il proprietario ne può far uso a suo piacimento. Mediamente però il tempo di accessibilità viene limitato dalle condizioni atmosferiche, le quali permettono o no un costante uso del motorino. Di conseguenza è più ipotizzabile un’accessibilità maggiore durante l’estate piuttosto che in inverno.

8.      E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)

Il motorino, essendo uno spazio privato è informale. Il proprietario vi può accedere senza alcuna restrizione. Può essere però codificato in un’ottica visiva, in quanto il motorino possiede le stesse caratteristiche formali di tutti i mezzi di trasporto su 2 ruote (manubrio, sella, specchietti e così via).

9.      E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)

Rispetto alla sua funzione di mezzo di trasporto è equipaggiato con vani porta oggetti più o meno grossi e da un contenitore sottosella delle dimensioni in grado di ospitare un casco integrale. Inoltre lo si può attrezzare (dipende dal modello) con contenitori supplementari come il bauletto posteriore.

10.  Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)

Lo spazio normalmente viene fruito da una persona che occupa tutta la sella (in vari modi e posizioni). Non essendo in movimento, e quindi non più soggetto alle norme del codice della strada, può essere fruito da più persone contemporaneamente (nel caso di un ritrovo di amici capita che più di una persona si sieda sullo stesso motorino).

11.  Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)

I ruoli non sono codificati perché essendo paragonabile ad una seduta, non prevede utilizzo di codici di fruizione dello spazio.

12.  Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)

In questo contesto le azioni che si possono svolgere sono legate al leggere. Il motorino fermo si trasforma infatti in una seduta che può essere utilizzata per leggere in un tempo di attesa o di svago; in questo caso si utilizza la sella come seduta e il manubrio può diventare un punto di appoggio o per la schiena o per il libro stesso. La sella, però, può diventare anche un piano di appoggio per ripassare in previsione di un esame/verifica nel parcheggio della scuola; in questo caso l’utente è in piedi e usa il motorino come tavolo per disporre libri e appunti.

13.  Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

L’azione principale resta il leggere, azione che tuttavia non è stata pensata al momento della progettazione del motorino.

14.  Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)

Il motorino fermo si trasforma in una seduta che può essere utilizzata in vari modi; per quanto riguarda un tempo di attesa, abbiamo notato alcuni comportamenti: ascoltare la musica, fumare una sigaretta, truccarsi (usando gli specchietti per controllare che sia tutto in ordine), mangiare una merendina e parlare al telefono. Per quanto riguarda il ritrovo di amici il motorino può essere usato come tavolo per giocare a carte o come guardaroba dove appoggiare i giubbotti o gli zaini.

15.  Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)

All’interno dello spazio le persone si comportano come se fossero seduti intorno ad un tavolo ma con il beneficio di stare all’aria aperta. I comportamenti sono del tutto liberi e non sono previsti procedimenti / azioni particolari da dover svolgere usufruendo di tale spazio.

16.  Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)

Mediamente lo spazio viene utilizzato nel pomeriggio (come ritrovo) per una durata non superiore alle 4-5 ore. In estate, quando le temperature lo permettono, l’utilizzo si sposta anche alla sera, in maniera forse più significativa. Bisogna prendere in considerazione che dipende molto dalle condizioni atmosferiche della giornata che condizionano la durata di utilizzo dello spazio.

17.  Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)

Gli attori non possono modificare lo spazio, solo interagire con esso. Per esempio non possono modificare l’altezza della seduta (come su una seduta da ufficio) ma possono aprire i vani porta – oggetti o alzare la sella per prendere qualcosa (come il libro)

18.  Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Uno degli aspetti positivi è che si ha sempre a disposizione una seduta da utilizzare per leggere, e un posto (sotto sella) dove riporre il libro prima e dopo averlo letto. Un altro aspetto positivo riguarda la versatilità di tale contesto, una o più persone possono usufruirne contemporaneamente e una volta terminato l’utilizzo come seduta, si mette i moto e si usa come mezzo di trasporto.

19.  Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura? 

Considerando il fatto che essendo pensato principalmente per il movimento
non può essere attrezzato come una normale seduta utilizzata per leggere (e quindi con lampade e accessori vari), che snaturerebbero la concezione principale del motorino, si potrebbero pensare degli accessori temporanei da utilizzare quando il motorino è fermo, da riporre poi nel sotto sella quando il motorino è in movimento.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s