In acqua – Piscina privata

This slideshow requires JavaScript.

Nome contesto: In acqua

Tipologia: Piscina

Declinazione specifica: Piscina privata in villa privata

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA b) contesti neutri

1) Almeno 3 immagini

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

La piscina si trova all’interno di un giardino privato che circonda una villa privata. Il tutto è delimitato da un muro di pietre sormontato da una struttura in legno atta a proteggere dallo sguardo altrui. La piscina si sviluppa in lunghezza una decina di metri e la larghezza varia, non avendo una forma ben definita, infatti ha questa è arrotondata e non presenta spigoli retti. Il contesto è all’aperto e risulta essere ben illuminato dalla luce del sole durante tutto il corso della giornata; dopo il tramonto le uniche fonti di luce sono le lanterne installate all’interno del giardino, che risultano abbastanza soft.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

rilassante – estivo – lussuoso

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1. Dove è localizzato?

Il contesto è situato all’interno di un giardino privato facente parte di una villa a scopo abitativo, collocata geograficamente in un paesino della provincia di Caserta.

2. È un luogo fisso o mobile?

Fisso.

3. È pubblico o privato/domestico?

Privato.

4. All’aperto o al chiuso/interno?

All’aperto.

5. È accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)

Il contesto, essendo di proprietà privata, prevede l’accesso libero per i soli abitanti della villa di cui la piscina è parte. Per tutti gli altri si può accedere solo temporaneamente in qualità di ospiti del contesto, in luogo di un volontario invito da parte dei proprietari della villa.

6.  È uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)

Questo contesto nasce con uno scopo funzionale ben definito,  cioè permettere ai proprietari della villa o a chi questi vogliano, di fare il bagno, nuotare.  Essendoci un giardinetto tutt’attorno questo contesto consente un uso non direttamente proprio ma sicuramente complementare a quello di fare il bagno: prendere il sole su sdraio o lettini in prossimità della piscina, regalando così all’utilizzatore l’impressione di un luogo di villeggiatura.

7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)

I tempi di accessibilità al contesto sono limitati a pochi minuti, se l’utilizzatore è già presente nel giardino.

8. È uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)

È uno spazio strutturato in quanto qualsiasi piscina privata di questo tipo(interrata) è una vasca artificiale riempita d’acqua dolce mescolata con una piccola percentuale di cloro disinfettante, adibita generalmente al nuoto o altre attività acquatiche. Sono presenti dunque determinati vincoli di realizzazione: deve sorgere in un luogo adatto e abbastanza ampio ad ospitare una piscina interrata; questa deve avere uno strumento di entrata e uscita dalla vasca. L’acqua della piscina deve essere igienizzata, depurata, controllata.

Allo stesso tempo può essere considerato un luogo informale in quanto palcoscenico di una vita familiare o comunque confidenziale, che determina un tipo di comportamento abbastanza libero.

9. È attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)

L’accessorio più importante rispetto al principale uso del contesto è la scaletta, che permette di entrare e uscire dalla vasca. È installato un  impianto di filtrazione che consente assieme all’uso di prodotti chimici il mantenimento della trasparenza e balneabilità dell’acqua. Sono aggiunti dei fari subacquei per illuminare sott’acqua creando un effetto scenografico.

10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)

La fruizione può avvenire in modo individuale, ma anche in più persone. Nel caso fosse la sola famiglia a fare il bagno sarebbero in cinque. Se ci fossero degli invitati il numero aumenterebbe.

11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)

Chi usufruisce della piscina di solito non lo fa da vestito, ma indossa secondo la cultura occidentale un costume da bagno. La cuffietta per il capo non è obbligatoria, e normalmente coloro che si fanno il bagno qui non la indossano. È consigliato sciacquarsi sotto la doccia adiacente alla piscina prima e dopo il bagno, e di indossare delle ciabatte per camminare sul bordo piscina per igiene e per evitare di scivolare. Non è ammesso versare saponi all’interno della piscina o liquidi che non siano acqua. Gli attori all’interno del contesto non hanno ruoli ben distinti nel momento dell’utilizzo principale che se ne fa è la balneazione. Per quanto riguarda invece le attenzioni volte alla cura della piscina e quindi alla pulitura dell’acqua all’interno della vasca, queste vengono raccolte in una figura specifica della famiglia: il padre.

12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)

È possibile leggere un libro o qualsiasi altro supporto alla lettura all’esterno della vasca lungo il bordo, o lungo il perimetro della piscina su lettini o sdraio, o semplicemente per terra. All’interno della vasca non è proibitivo leggere purché si prendano le dovute accortezze affinché il supporto non subisca danni.

13. Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

Si può leggere a su sdraio o lettini collocati presso la piscina. È possibile inoltre praticare la lettura a bordo vasca, con i piedi in acqua o non; all’interno della piscina con il libro fuori dall’acqua sul bordo della piscina; su un lettino gonfiabile; seduti sugli scalini che scendono verso il fondo della piscina.

14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)

All’interno della vasca oltre a nuotare o rilassarsi in acqua, è possibile giocare a palla, prendere il sole sul lettino gonfiabile, fare tuffi, mettere della musica e fare esercizi ginnici in acqua. A bordo vasca si può prendere il sole, passeggiare.

15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)

Le persone all’interno dello spazio non sembrano essere vincolate a nessun modello di comportamento che sia estraneo al buon senso e all’educazione. Vi si muovono liberamente, decidono volontariamente di bagnarsi o meno. Entrano all’interno della vasca attraverso la scaletta o tuffandosi, ne escono con la stessa scaletta, o facendo leva sulle braccia sul bordo vasca. In acqua nuotano liberamente, o galleggiano semplicemente, o restano fermi toccando con i piedi sul fondo della vasca o appoggiandosi al bordo vasca.

16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)

La fruizione della piscina come spazio per bagnarsi ha una durata che dipende dalla volontà di chi ne fa uso. Può variare da pochi minuti fino ad alcune ore. Di solito si esce quando i polpastrelli delle dita non si siano raggrinziti. Il bagno in acqua può avvenire in qualsiasi momento della giornata.

17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)

Gli attori posso riempire la vasca con la loro presenza, quindi modificare lo stato dell’acqua, e la sua purezza. Immettere all’interno della vasca degli oggetti, delle sostanze per depurare l’acqua. All’esterno il contesto può essere modificato cambiando la collocazione delle sdraio o dei lettini, ma nessuna di queste modifiche risulta essere irreversibile. Il proprietario della piscina può decidere di modificare in modo irreversibile o distruggere la piscina in qualsiasi momento.

18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Aspetti positivi:

La lettura è favorita in quanto il contesto risulta piacevolmente silenzioso e rilassante, estraniante da tutto il resto. Si tratta di un luogo ben illuminato dalla luce naturale durante le ora diurne.

Aspetti negativi:

Non si può praticare in modo disattento allo stesso tempo la lettura e il bagno. Se si legge in acqua bisogna infatti fare attenzione a che il supporto non si danneggi. Durante le ore serali la lettura non è consigliabile in quanto l’illuminazione artificiale risulta abbastanza fioca.

19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Installando un leggio in acqua. Rendendo il materassino gonfiabile più adatto allo scopo lettura. Impermealizzare il supporto alla lettura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s