Bar londinese

Nome contesto: Bar londinese

Tipologia: Pub/Caffè

Declinazione specifica: presso un’uscita metropolitana

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

Contesti

b) contesti neutri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

I caffè/bar che si trovano ad un’uscita metropolitana londinese non sono di dimensioni molto grandi, all’interno ci sono pochi tavoli e molti più banconi sui quali appoggiare le bevande e cibi proprio perché accolgono gente che prende un break veloce per poi andare al lavoro. L’interno prevede uno spazio per accogliere la gente e ricevere ordinazioni e poi una zona per chi volesse stare seduto o restare nel bar. L’esterno del bar prevede una spa con qualche panca.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

affollato, fastidioso, frenetico

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1. Dove è localizzato?

Presso una stazione metropolitana.

2. E’ un luogo fisso o mobile?

Fisso.

3. E’ pubblico o privato/domestico?

È pubblico

4. All’aperto o al chiuso/interno?

Può essere sia al chiuso sia all’interno

5. E’ accessibile in modo libero o codificato?

L’accesso avviene in modo totalmente libero e per qualsiasi persona

6. E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)?

La funzione primaria è quella di vendere al cliente bevande calde o cibi di prima colazione, poi il bar permette di potersi gustare la bevanda seduti o presso le mesole attaccate ai muri.

7. Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto?

I tempi di accessibilità sono dall’orario di apertura del bar fino all’orario di chiusura

8. E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale?

È uno spazio totalmente informale dove un persona può svolgere vari azioni.

9. E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi?

È attrezzato con tavoli sedie e mensole che fungono come appoggio, vi sono elementi come portatovaglioli oppure bicchieri (in cartone) sfusi  sempre legati al teme della colazione.

10. Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante?

Lo spazio viene fruito da poco a più persone dipende tutto dalla situazione. Se è mattina presto il bar sarà affolato di gente che sta per andare al lavoro, se è pomeriggio può essere accolto da turisti o oltre persone ma sempre in minor numero rispetto alla mattina.

11. Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono?

L’unica azione codificata che si svolge all’interno del bar è aspettare il turno e fare l’ordinazione, le altre azioni sono quelle di mangiare, bere, parlare, leggere, usare il telefono, scrivere ecc.

12. Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)?

Sicuramente all’interno di questo contesto il libro viene trasportato (durate l’ordinazione) e poi essere aperto per leggerlo.

13. Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

Il libro non ha un’azione principale, possiamo dire che chiunque si porti un libro al lavoro ed entra in un caffe, l’azione più importante è quella di essere trasportato senza che dia nessun problema.

14. Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere?

Il libro può essere letto o consultato, può essere usato per aprire un varco in mezzo alla folla davanti al bancone, può essere usato come tavolino (solo se si tratta di un libro molto rigido), può essere usato per scrivere degli appunti

15. Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc)

Di norma etica quando si entra in un bar ad effettuare un’ordinazione bisogna aspettare il proprio turno, poi le azioni sono totalmente libere, ognuno può sedersi dove gli pare, può restare o andare subito via

16. Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)?

L’utilizzo di questo spazio avviene solitamente in prima mattinata quanto la gente fa colazione, mentre per il resto del giorno è utilizzato da turisti o persone che vogliono fare un break di loro spontanea volontà.

17. Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc?

All’interno gli attori non possono modificare lo spazio, l’unica cosa che possono fare è spostare le sedie o gli sgabelli al bancone per il resto lo spazio non è modificabile.

18. Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Aspetti positivi: ordinazioni pressoché veloci, possibilità di restare o andar via, tavoli e banconi per appoggiare libri e non solo;

Aspetti negativi: trasporto inappropriato durante orari affollati (prendere un’ordinazione avendo già qualcosa nelle mani), persone che sostano all’ingresso, avere entrambe le mani occupate, non rispettare il turno, cassiera lenta nelle ordinazioni.

19. Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Dotare un breve racconto in base al tipo di colazione ordinata senza che il cliente si porti un libro da casa.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s