Aereo EasyJet (a scelta)

Nome contesto: Airbus a320 EasyJet

Tipologia: Trasporto

Declinazione specifica: Cabina passeggeri

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA a) contesti propri b) contesti neutri c) contesti impropri 

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce, di organizzazione)

L’Airbus a320 è un aereo che viene utilizzato per viaggi previ continentali, della durata di 3 ore massimo. Per questo motivo è un velivolo che ha un’elevata concentrazione di passeggeri in poco spazio. Sono presenti quattro ingressi per i passeggeri e in aggiunta quattro uscite di sicurezza. Un corridoio centrale separa due file di sedili; questi sono disposti in file da tre. Lo spazio tra le sedute è ben calcolata, risultando comoda per la durata del viaggio. Ogni postazione è dotata di bocchetta dell’aria, faretto e tavolino reclinabile. Sopra le due file di sedili sono presenti gli sportelli porta bagagli. I finestrini non sono posti in perfetta corrispondenza con le file di sedili; si possono così trovare dei posti a sedere esterni con di lato la parete. Le condizioni di luminosità sono molto buone; il grosso dell’illuminazione è artificiale, mentre in parte inferiore la luce entra dai piccoli finestrini posti sui lati dell’aereo.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Statico, pratico, funzionale

 

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1.     Dove è localizzato?

Negli aeroporti per carico e scarico passeggeri e in volo.

2.     E’ un luogo fisso o mobile?

Mobile.

3.     E’ pubblico o privato/domestico?

Pubblico, appartenente a vettori privati.

4.     All’aperto o al chiuso/interno?

E’ un contesto interno.

5.     E’ accessibile in modo libero o codificato?

In modo assolutamente codificato; per accedere all’aereo c’è bisogno della carta di imbarco e di un documento valido.

 6.     E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)?

E’ specializzato in termini univoci; si utilizza per raggiungere una determinata destinazione. Si verificano però azioni per impiegare il tempo durante il volo.

7.     Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto?

I voli vengono effettuati durante tutto l’arco della giornata. Di notte la frequenza dei voli è nettamente inferiore a quella del giorno.

8.     E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale?

E’ uno spazio codificato, che presenta tutti gli elementi base di un aereo, seppur magari con qualche comfort in meno rispetto ai mezzi per voli di durata maggiore.

9.     E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi?

Sono presenti tutti gli elementi utili al viaggio; i sedili risultano comodi per le brevi tratte e i bagagli non risultano ingombranti. La presenza della rete portaoggetti favorisce l’uso di strumenti “passatempo”

10.     Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante?

Lo spazio è fruibile contemporaneamente da più persone. L’Airbus a320 di Easyjet ha una capacità di 180 passeggeri.

11.     Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono?

I passeggeri durante il volo svolgono diverse azioni, che possono essere ad esempio leggere, usare il pc portatile, mangiare. Le hostess e gli steward svolgono attività di assistenza ai passeggeri e i piloti conducono l’aereo. Queste ultime due categorie hanno ruoli codificati.

12.     Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)?

Durante il volo si può leggere senza nessun problema; il vettore stesso fornisce la propria rivista di bordo, in cui sono illustrate destinazioni raggiungibili.

13.     Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

La lettura del libro, del quotidiano o della rivista è l’azione principale che vi si svolge.

14.     Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere?

Molto comuni sono l’utilizzo di pc portatili, smartphone e lettori musicali; mangiare è un’azione che si svolge spesso, incentivata anche dal passaggio delle hostess con i carrelli con alimenti. Si può dormire o guardare il panorama dal finestrino.

15.     Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc)

Lo spazio fruibile in cui muoversi è ristretto; i percorsi di ingresso e discesa dal velivolo sono indicati dagli assistenti di volo. Durante il volo, a meno che siano presenti turbolenze ci si può muovere liberamente, ad eccezione ovviamente della cabina di guida e dei reparti delle hostess. Le posizione assumibili sui sedili sono poche.

16.     Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)?

La durata del volo è legata ovviamente alla distanza tra aeroporto di partenza e quello di arrivo; un volo può durare da 45 minuti a tre ore. Ciò che porta via più tempo è la trafila che bisogna fare in aeroporto, tra check-in, attesa e imbarco. Molte compagnie aeree stanno cercando di ottimizzare i tempi, dando ad esempio la possibilità di fare il check-in on line. In totale quindi un viaggio in aereo può occupare anche 6 ore.

17.     Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc?

Gli attori possono modificare lo spazio in minima parte, ad esempio abbassando le tendine dei finestrini o il tavolino di appoggio. Il tutto in maniera reversibile.

18.     Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

La durata del volo può impegnare i passeggeri per un tempo eccessivo, rendendo pesante il volo stesso. Viceversa la durata influisce sul rendimento della lettura, ad esempio sul numero di pagine lette. Di sicuro la lettura è un modo intelligente di passare il tempo. L’intensità della luce e il colore un po’ troppo freddo potrebbero dare fastidio durante la lettura.

19.     Come questo contesto potrebbe essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Dare la possibilità di regolare la luminosità di ogni postazione, con faretti estensibili o orientabili, a cui si può cambiare intensità e colore: rendere quindi personalizzabile.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s