Rifugio per bambini: Capanna sull’albero

Nome contesto: Capanna

Tipologia: Rifugio per bambini

Declinazione specifica: Capanna sull’albero

Individuare a quale categoria appartiene il contesto:

CATEGORIA     b) contesti neutri

1) Almeno 3 immagini

This slideshow requires JavaScript.

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione   (500 parole max)

Si tratta di una costruzione in legno molto piccola, realizzata sfruttando il sostegno dei rami di un albero e situata a un paio di metri dal suolo. Vi si accede grazie a una scaletta costituita da semplici assi di legno inchiodate al tronco.

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Segreto – Intimo – Infantile

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

1.      Dove è localizzato?

Sui rami di un albero, a un paio di metri da terra.

 2.       E’ un luogo fisso o mobile?

È un luogo fisso.

3.      E’ pubblico o privato/domestico?

È un luogo privato.

 4.      All’aperto o al chiuso/interno?

All’aperto, in un giardino.

5.      E’ accessibile in modo libero o codificato? (dettagliare 200 battute)

Libero, ma solo con il permesso del proprietario poiché si tratta di uno spazio privato.

6.      E’ un luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)? (dettagliare 200 battute)

È un luogo destinato al tempo libero e al gioco dei bambini, le funzioni possibili sono quindi multiple e non specializzate.

7.      Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto? (dettagliare 200 battute)

A discrezione dell’utente, in qualsiasi momento della giornata (anche se è raro che un bambino vi si rechi durante la notte).

8.      E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale? (dettagliare 200 battute)

È uno spazio non strutturato, informale. È un ambiente vuoto destinato perlopiù al gioco dei bambini.

9.      E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi? (dettagliare 200 battute)

Non ha una funzione specifica, né è attrezzato per qualche funzione in particolare.

10.    Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante? (dettagliare 200 battute)

Lo spazio viene fruito in una, due o tre persone al massimo (bambini, non adulti). Dipende dalle occasioni, dalle dimensioni della capanna, dal peso che riesce a sostenere.

11.    Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono? (dettagliare 200 battute)

Gli attori che accedono a questo spazio sono bambini, di varie età, che in esso giocano, leggono, si riposano, si nascondono, ecc. Il loro ruolo non è codificato.

12.    Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)? (dettagliare 200 battute)

È possibile leggere libri e fumetti, tenerli nascosti nella capanna sull’albero, utilizzarli per costruire una seduta o un piano d’appoggio improvvisati, fare i compiti, …

13.    Qual è azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

Probabilmente leggere.

14.    Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere? (dettagliare 200 battute)

Giocare da soli o con un amico, nascondersi, riposarsi, mangiare, bere, ascoltare la musica, ecc.

15.    Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc) (dettagliare 200 battute)

Liberamente, anche se lo spazio così ristretto è molto vincolante.

16.    Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)? (dettagliare 200 battute)

Le modalità temporali di utilizzo sono completamente a discrezione dell’utente. Potrebbero condizionarne la fruibilità le condizioni atmosferiche.

17.    Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc? (dettagliare 200 battute)

I bambini che vi si recano a giocare possono modificare l’ambiente in modo reversibile, inserendovi oggetti o magari disegnando sulle pareti. Le modifiche irreversibili riguardano modifiche sostanziali della struttura, che vengono effettuate non dai bambini ma dai loro genitori.

18.    Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Positivi:

È un luogo molto adatto alla lettura: al suo interno si è isolati da tutto e da tutti, e non c’è il rischio di essere disturbati.

Negativi:

Le dimensioni sono molto ristrette e spesso è difficile mettersi comodi, anche per l’assenza di sedute.

19.    Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Si potrebbe intervenire con una sorta di arredamento ad hoc, con sedute e supporti per i libri che siano leggeri, poco ingombranti, e ovviamente a misura di bambino.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s