Parco – ortobotanico ad uso conservativo e di ricerca accademica

This slideshow requires JavaScript.

Scheda CONTESTI

Nome contesto: parco             

Tipologia: ortobotanico

Declinazione specifica: ad uso didattico, conservativo e di ricerca accademica

Individuare a quale categoria appartiene il contesto


a) contesti propri b) CONTESTI NEUTRI c) contesti impropri

2) Descrivere il contesto nelle sue variabili ambientali (spaziali, dimensionali, di luce), di organizzazione  

L’ortobotanico è nascoto dall’esterno da una grossa siepe che aiuta ad attenuare i rumori esterni. È costituito da alcune ‘isole verdi’ delimitate solamente da percorsi di ghiaia e attraversate da un laghetto artificiale.

Al suo interno sono presenti le serre del dipartimento di ricerca, ma la maggior parte dell’area ospita prati e molte varietà di piante. Lungo i percorsi sono presenti panchine e muri di mattoni, e per salire sull’erba è necessario togliersi le scarpe.

3) Indicare tre aggettivi che caratterizzano il contesto

Nascosto, silenzioso, affascinante

4) Individuare e descrivere le seguenti caratteristiche del contesto.

a)     Dove è localizzato?

È situato al centro del polo scientifico dell’università degli studi di Milano

b)     E’ un luogo fisso o mobile?

Fisso

c)      È pubblico o privato/domestico?

È un parco pubblico, con l’eccezione dei locali adibiti ala ricerca di proprietà dell’università

d)     All’aperto o al chiuso/interno?

Alcuni locali sono al chiuso ma principalmente è uno spazio aperto

e)     E’ accessibile in modo libero o codificato?

si accede al giardino botanico in veste di visitatori, singolarmente o in gruppi, ad eccezione dei ricercatori universitari che hanno accesso liberamente. I percorsi di ghiaia e le panchine permettono di usufruire del parco, ma la presenza delle serre gli conferisce un’impronta vincolata al loro uso

f)       E’ uno luogo specializzato funzionalmente in termini univoci (mono funzione-uso) o dagli usi multipli (funzioni-uso primarie e secondarie) o non specificati (funzioni-uso accessorie, potenziali o improprie)?

Principalmente, oltre ad ospitare i laboratori, l’ortobotanico è ad uso didattico, vengono anche organizzati piccoli concerti ed eventi di ateneo, ovviamente mantiene la sua funzione di luogo distensivo

g)     Quali sono i tempi di accessibilità dello spazio/contesto?

È possibile accedere poche ore al giorno, e solo per alcuni giorni alla settimana, questo per permettere a chi lavora li di non vivere in un luogo eccessivamente movimentato

h)     E’ uno spazio strutturato/codificato o non strutturato/informale?

È uno spazio codificato, in quanto la cura riposta nella conservazione delle piante non lo fa apparire come un comune parco, al suo interno ci si muove lungo i percorsi e per sedere sull’erba è necessario togliere le scarpe

i)       E’ attrezzato o equipaggiato rispetto alla sua eventuale funzione/i? Con che elementi (naturali o) dotazioni e dispositivi?

Durante il giorno è un luogo molto indicato per la lettura e per riposarsi, distesi sull’erba o seduti su di una panchina, anche se non presenta molti elementi che lo rendano ‘attrezzato’

j)       Lo spazio viene fruito individualmente o in più persone? Quante?

Gruppi di persone si muovono all’interno del giardino, visite guidate e scolaresche sono i principali fruitori, ma anche individualmente è consentito accedervi

k)     Quali sono i ruoli dei vari attori all’interno dello spazio (codificati, non codificati)? Che azioni svolgono?

Solo due ‘guardie verdi’ controllano lo spazio e illustrano le regole, altri attori sono i ricercatori in camice bianco, quindi ruoli molto codificati

l)       Quali azioni relative al libro/lettura vi si possono svolgere (trasportare, leggere, comprare)?

È ovviamente concesso leggere, come studiare. Alcuni eventi ospitano attori e musicisti

m)   Qual’è l’azione principale relativa al libro/lettura che vi si svolge (o per la quale è pensato, progettato, strutturato…)?

Non è un luogo pensato per la lettura, ma le condizioni come il silenzio e l’aria aperta la favoriscono, inoltre lo stimolo di un giardino insolito si avvicina al concetto di panorama

n)     Quali altre azioni (non relative al libro/lettura) vi si possono svolgere?

Ad esempio sul prato vengono organizzati corsi pre-parto, è possibile mangiare, rilassarsi, non impossibile ma visto meno di buon occhio prendere il sole

o)     Come si muovono/comportano le persone all’interno dello spazio? (liberamente, secondo procedure/percorsi/azioni/obiettivi.. etc)

le visite sono obbligate dalla presenza di particolari piante, lungo dei percorsi prestabiliti, ma l’accesso è libero per quelli che conoscono lo spazio, ci lavorano e lo frequentano, come i ricercatori che muovono verso le serre e utilizzano lo spazio esterno solo nei momenti di pausa

p)     Quali sono le modalità temporali di utilizzo dello spazio (durata, momento della giornata etc)?

Stimata intorno alle due ore la visita guidata con successivo giro libero, massimo mezz’ora per chi sfrutta lo spazio in pausa pranzo e limitato all’apertura del giardino per chiunque voglia prendersi del tempo e rilassarsi

q)     Gli attori possono modificare lo spazio? Come? Con che ruoli? Temporaneamente? Permanentemente? Attraverso quali azioni, dotazioni etc?

Solo i ‘giardinieri’ possono modificare lo spazio nel momento in cui trapiantano nuovi esemplari o sistemano quelli già trapiantati. Altri si limitano ad utilizzare le strutture presenti secondo usi convenzionali

r)      Quali sono gli aspetti positivi (relativi al libro/lettura e non) di questo contesto? E quelli negativi?

Positiva è la tranquillità di questo luogo che favorisce la concentrazione utile alla lettura e la bellezza delle piante presenti che trasferisce il lettore in un piccolo giardino protetto

s)      Come questo contesto potrebbero essere migliorato, reso più idoneo, più funzionale, più efficace ad usi relativi al libro/lettura?

Ad esempio fornendolo di un piccolo bookshop ed edicola, e di una struttura accessibile in inverno o nei giorni di pioggia che affacci sul giardino

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s