Pregare – Predicare

This slideshow requires JavaScript.

Nome azione: PREGARE Declinazione specifica: PREDICARE

 

Individuare a quale categoria appartiene l’azione

a)Azioni implicite alla lettura

 

 2)Descrivere l’azione come se si stesse narrando uno storybord (500 parole max)

Il predicatore, da un luogo in vista, arringa la folla servendosi dell’autorità derivatagli dall’essere studioso e seguace della parola di Dio, potere che viene rappresentato dal libro che tiene aperto davanti a sè. Egli parla forte alla folla, e si serve di passi della Bibbia per rafforzare e avvalorare le sue tesi. Perciò di tanto in tanto distoglie gli occhi dall’uditorio e li rivolge in basso verso il libro e legge alcune righe, per poi tornare a parlare al pubblico.

 

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’azione

Sacra, sentita, violenta

3) Individuare le seguenti caratteristiche.

L’azione

a)    Coinvolge 1, 2 o più persone? Coinvolge il predicatore e il suo uditorio, che potrebbe essere formato sia da presenti,      che da radioascoltatori e telespettatori.

b)  Richiede un oggetto per compierla? Quale? Come si usa? Richiede uno o più volumi, e spesso un piano sul quale appoggiarli, così il predicatore si sentirà maggiormente a suo agio potendo implementare il discorso verbale con la gestualità di entrambe le mani. Se gli spettatori sono molti richiede l’uso di un microfono. Se gli spettatori sono a casa, richiede apparecchi di registrazione e trasmissione.

c)   Si svolge in pubblico o in privato?  Solitamente in pubblico, a meno che non si tratti di un privato che predichi via radio dalla propria abitazione.

 

d)  Quanto tempo richiede? L’attenzione vera di un uditore si stima che difficilmente possa superare i quarantacinque minuti. L’omelia in una Messa cattolica dura in media un quarto d’ora, venti minuti. Via radio una predicazione può durare anche molto più tempo perchè il predicatore non ha la percezione della perdita d’attenzione da parte del suo pubblico, e soprattutto ognuno si collega quando desidera.

e)    È una azione site specifica? In quale contesto si svolge? Nei luoghi sacri dall’altare o da un pulpito, sale convegni, studi di emittenti radiofoniche, tribune, palcoscenici.

f)   Richiede una competenza specifica? Quale?   Essere grandi comunicatori, vantare la conoscenza dei testi sacri.

g)   È un’azione legale o illegale?  Se non predica azioni violente o illegali, predicare è del tutto legale.

 h)   Come la lettura o il supporto (libro/rivista…) entrano in relazione  con l’azione? La coadiuvano,  la influenzano, la condizionano, la limitano,  la ostacolano… etc. ?  La predicazione è strettamente legata alla presenza del libro, poichè nelle religioni rivelate il libro è la parola di Dio che si rivela all’umanità. Il libro è la fonte dell’autorità, della sacralità, del potere spirituale. Storicamente la Chiesa era non a caso depositaria e “proprietaria” per così dire, dell’intero mondo letterario e non solo dei testi sacri. Il libro è la prova che Dio, la verità è nelle parole di chi lo legge. Anche in casi diversi da quello religioso il libro ha una valenza di autorità: Lenin fondava la sua rivoluzione sui testi di Karl Marx, gli avvocati costruiscono le arringhe tenendo presente dove la legge costituisce uno sbarramento ai loro obiettivi.

i)     Quali sono gli aspetti positivi di questa azione? E quelli negativi? E’ un’azione potenzialmente di enorme impatto sul pubblico. Può influenzare notevolmente sia nel bene che nel male. Molti l’hanno usata per guadagnare molti soldi con frodi di ogni tipo, altri hanno mandato molta gente incontro alla morte.

j)    Come questa azione potrebbe essere migliorata, resa più facile, più piacevole, più efficace?  Attraverso un libro intelligente da cui trarre spunto.

k)  E’ una azione finalizzata ad un risultato? Quale? Quello di intimidire, di convertire, di persuadere.

l)    E’ una azione che implica un coinvolgimento emotivo?   Assolutamente si. Il predicatore deve essere carismatico “unto” come si dice, che in termini moderni equivale sostanzialmente a “motivato”. In base al momento storico e alla situazione sociale, il pubblico può reagire in modi violenti, può allontanarsi ispirato, può essere indifferente o distratto.

m) L’azione modifica il supporto? In modo reversibile o irreversibile? Se la predicazione ha successo, ha effetto su un individuo o sulla società, per quell’individuo o per quella società il supporto modificherebbe il suo valore e ne acquisirebbe uno più o meno alto.

Inviato da Gabriele Rosina, gruppo Cayetty, 14

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s