Legg(è)re sulla Spiaggia

Nome azione: leggere. Declinazione specifica: leggere sulla spiaggia.

Individuare a quale categoria appartiene l’azione > Azione implicita alla lettura.

Immagini

This slideshow requires JavaScript.

Descrizione

L’atto di leggere libri – di norma tascabili o paperback, di certo non preziosi, ingombranti – e riviste di ogni genere portandoseli in spiaggia da casa, o acquistandoli nelle librerie ed edicole sul litorale (che vendono di norma i peggio avanzi di magazzino); particolarmente interessante per il doversi adattare a condizioni e posizioni spesso sfavorevoli.

Tre aggettivi che caratterizzano l’azione:  

Polifunzionale (giova alla salute e all’intelletto)

Scomodo (posizione)

Suggestivo (l’ambiente e la situazione avvolge il lettore)

Caratteristiche dell’Azione:

Coinvolge 1 persona – il lettore.

L’azione richiede un libro, una rivista, un quotidiano; una spiaggia (volendola considerare come oggetto), il lettore-bagnante può scegliere se sdraiarsi o sedersi su una sedia a sdraio, un lettino da spiaggia, un telo mare, uno stuoino o direttamente sulla nuda sabbia.

Solitamente d’estate le spiagge sono frequentate, perciò l’azione è in genere svolta in pubblico, capita a volte che però non ci sia nessuno, rimane comunque un’azione svolta in un luogo frequentabile da altre persone, non è perciò considerabile come privata.

Può richiedere il tempo della lettura di un articolo di giornale come di uno o più libri interi (purtroppo in certe spiagge vietano l’accensione di fuochi notturni).

L’azione si svolge specificatamente in spiaggia.

Non richiede nessuna competenza specifica eccetto il sapersi barcamenare fra il vento che viene dal mare, gira le pagine e fa volare i fogli, il caldo che appiccica la carta patinata alla pelle sudata e certe spiagge davvero troppo (mal) frequentate.

E’ legale.

La lettura è al centro di una situazione non troppo convenzionale, l’ambiente ha un’influenza particolare, diversa a seconda del tipo di spiaggia, sul lettore: questo può lasciar andare la mente sul vasto spazio sovrastante la distesa piatta d’acqua, può riconoscere nelle persone circostanti personaggi del libro, può anche banalmente prendersi una pausa guardandosi in giro, sedimentando ciò che legge come ciò che il mare porta a riva.

Gli aspetti positivi sono sopracitati, di negativo c’è la scomodità del leggere da perfettamente distesi a terra o sul lettino, l’essere disturbati dal vicino d’ombrellone che chiacchiera rumorosamente (solitamente anziani).

L’azione svolta in questo contesto è già un miglioramento dell’azione stessa, potrebbe essere resa più piacevole fornendo gli stabilimenti balneari di sedie e ripiani più comodi nelle postazioni ombrellone (che andrebbero maggiormente distanziate) o, più drasticamente utopico, cercare di diminuire lo sfruttamento turistico delle spiagge.

L’azione è finalizzata al leggere in un ambito di tranquillità e rilassatezza.

Il coinvolgimento emotivo è ciò che maggiormente caratterizza l’azione.

L’azione non modifica il supporto in modo significativo, può capitare che però bagnandosi la carta si stracci o assuma una forma gibbosa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s