Bere: Prendere il caffè al bar, leggendo un quotidiano

Nome azione: Bere Declinazione specifica:  Prendere un caffè al bar, leggendo un quotidiano 

Individuare a quale categoria appartiene l’azione

c) Azioni contestuali alla lettura:

This slideshow requires JavaScript.

 2)Descrivere l’azione come se si stesse narrando uno storyboard (500 parole max)

  1. Si ordina il caffè e ci si sede al tavolino
  2. Si apre il quotidiano (generalmente é piegato in due o in 4 per motivi di ingombro)
  3. Per zuccherare e mescolare il caffè, appoggiare il giornale sul tavolino in modo da avere le mani libere
  4. Tenendo il giornale con una mano, o appoggiandolo sul tavolino (se lo spazio lo consente), si sfogliano le pagine con la mano libera
  5. Le pagine lette si ripiegano per ridurre l’ingombro del giornale
  6. Per facilitare maggiormente la lettura, ripiegare nuovamente in due il quotidiano per renderlo più rigido e meno ingombrante

3) indicare tre aggettivi che caratterizzano l’azione

 Rilassante – Quotidiana – Piacevole

3) Individuare le seguenti caratteristiche.

L’azione

a)     Coinvolge 1, 2 o più persone? (dettagliare 200 battute)

L’azione coinvolge in maniera diretta una sola persona: l’utente che beve leggendo il giornale.

b)    Richiede un oggetto per compierla? Quale? Come si usa?

L’azione non richiede di oggetti particolari. Esistono sostegni a cui attaccare il quotidiano che permettono di tenerlo più facilmente con una sola mano, ben aperto, facilitando la lettura. Si tratta di strumenti poco diffusi e ingombranti, che non ci si porta da casa ma che eventualmente si trovano a disposizione nei bar.

c)     Si svolge in pubblico o in privato?

L’azione si svolge in un bar, che é un luogo pubblico.

d)    Quanto tempo richiede?

La durata dell’azione é influenzata soprattutto dalla lettura: infatti, mentre per bere una tazzina di caffè sono sufficienti pochi minuti, per leggere un quotidiano intero sarebbero necessarie alcune ore. Spetta quindi all’utente selezionare gli articoli che più gli interessaleggere, a seconda del tempo che ha a disposizione. La durata dell’intera azione dipenderà quindi dalla lunghezza di questi articoli, dalla loro quantità, e dalla velocità di lettura dell’utente.

e)     È una azione site specifica? In quale contesto si svolge?

L’azione ha luogo in un bar, ma potrebbe avvenire anche a casa, ad esempio la mattina a colazione…

f)      Richiede una competenza specifica? Quale?

L’azione non richiede alcuna competenza specifica.

g)     È un’azione legale o illegale?

Legale.

h)    Come la lettura o il supporto (libro/rivista…) entrano in relazione  con l’azione? La coadiuvano,  la influenzano, la condizionano, la limitano,  la ostacolano… etc. ? (dettagliare 200 battute)

Il supporto (in questo caso il quotidiano) ostacola l’azione a causa del suo formato “poco maneggevole”, che rende necessario – nella maggior parte dei casi – l’utilizzo di entrambe le mani per piegarlo, aprirlo, girare le pagine.

i)       Quali sono gli aspetti positivi di questa azione? E quelli negativi?

Positivi:

Non essendo per niente rigido, il quotidiano si presta ad essere piegato a piacimento per adattarlo alle situazioni e agli spazi a disposizione per la lettura.

Negativi:

Il formato del quotidiano è troppo grande per essere tenuto aperto senza l’utilizzo di entrambe le mani, o senza l’appoggio di un tavolo. Non essendo rigido bisogna fare più attenzione che rimanga aperto e dritto mentre lo si legge.

j)       Come questa azione potrebbe essere migliorata, resa più facile, più piacevole, più efficace?

Modificando il formato del supporto, o creando un artefatto che aiuti a sostenerlo e mantenerlo aperto mentre si legge, soprattutto in mancanza di un tavolo abbastanza grande su cui appoggiarlo.

k)     E’ un azione finalizzata ad un risultato? Quale?

No.

l)       E’ un azione che implica un coinvolgimento emotivo?

No.

m)  L’azione modifica il supporto? In modo reversibile o irreversibile?

Spesso le pagine del quotidiano, non essendo attaccate tra loro, tendono a spostarsi o addirittura ad uscire dal quotidiano: a fine lettura si é costretti a “ricomporre” il giornale. Può capitare anche si strappare le pagine, per via della carta su cui è stampato: in questo caso la modifica è irreversibile.

Carolina Becatti, Gruppo 2

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s